Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Un ricordo per John Glenn, morto a 95 anni.Fu il primo astronauta in orbita

DI  nuovo Il gruppo Streetcap 1 che ci propone l’avvistamento di uno strano oggetto nei pressi sella Stazione Internazionale Spaziale, stavolta e’ un oggetto che ci ricorda un UFO sigariforme che rientrano ampiamente nella casistica Ufo, nel senso che sono stati numerosi gli avvistamenti di questa tipologia nella storia degli avvistamenti.

Prima di giudicare o fare ipotesi osserviamo il video offerto dal gruppo Steetcap 1 presente su Youtube a questo indirizzo   sotto il video

La registrazione del video riguardo l’oggetto sarebbe stata fatta il 5 dicembre

Secondo alcuni Ufologi si tratterebbe senz’altro di Un UFO a forma di sigaro di colore oro

Per gli scettici solo riflessi dovuti ad una fonte di luce che avrebbe colpito il gruppo ottico

Passiamo ad analizzare utilizzando delle immagini catturate dal video che e’ di proprietà’ del Gruppo gia’ citato numerose volte.

Osserviamo la prima

 

Noto che il presunto oggetto sigariforme assomiglia a quello che presumo essere dei pannelli della ISS indicati dalla freccia rossa. il tutto provato dal uno Zoom fatto specificatamente sul sigatiforme che potete osservare sotto

Facendo l’avvocato del Diavolo , ritengo che potrebbe trattarsi di un riflesso dei pannelli causato dalla forte luce che genera appunto un riflesso sulla lente della camera

Infatti  un altro presunto riflesso e visibile sopra l’ISS come foto sotto mostra, indicato dal cerchio

Ma la cosa che taglia la testa al povero topo e’ l’immagine sotto

Qusta immagine e ‘ stata catturata alla fine del video, mostra una colorazione diverse dei pannelli cosi come di conseguenza cambia di colore, l’oggetto Sigariforme

Possiamo mettere a confronto le due immagini catturate in diversi momenti del video

E’ evidente il collegamento dell’oggetto con i pannelli, e’ evidente che ” il Sigaro” e’ un riflesso dei pannelli

Conclusione: solo un semplice riflesso che provoca un immagine piuttosto singolare.

Il Sigaro d’autore