Un Ignorante tra scienza e pseudoscienza
Tempo stimato di lettura: 7 minuti
Avvistamenti ufo analizzati da me

Sono sicuro che abbiate letto la notizia di presunte luci fotografate da Curiosity sul suolo di Marte , ho aspettato un po’ prima di scrivere su questo per studiare con massima attenzione il caso per evitare stupidaggini ,almeno per dare dei dati quanto meno piu’ precisi possibile anche se non dimentico di essere parte parziale, la cosa divertente e’ stata la ressa di ipotesi e ragionamenti che di solito si dividono in due parti una pseudo e l’altra scettica , qualcuno infatti nel descrivere scientificamente l’accaduto prende in causa elementi che probabilmente non conosce affondo avallando la Nasa con il metodo senza se e senza ma .

In questo gioco di ipotesi mi inserisco anch’io cercando di fare un po’ d’ordine. Cosa e‘ successo? il 3 aprile, Il Rover Curiosity raggiunge su Marte la zona chiamata Kimberley per effettuare delle perforazioni; con la MastCam di Curiosity- scatta una foto che e’ diventata famosa perche’ riprende una luce fiamma o altro, vicino a dei rilievi. Le ipotesi riguardo questa luce anomala sono una ufologica ovvero un tunnel sotterraneo per navicelle intergalattiche o piu’ scientifiche come i raggi cosmici ipotizzate dalla Nasa , riflesso del sole su un oggetto, degassamento o aberrazione fotografica.

 

foto con filtro per evidenziare la luce

E’ molto difficile fare ipotesi ufologiche, non ci sono prove o quanto meno parametri da utilizzare, come per esempio Ufo nelle vicinanze, cosa non rara visto che alcuni mesi fa alcuni puntini nel cielo fecero ipotizzare in maniera sbagliata che potessero essere degli UFO , in realta’ trattasi di pixel mancanti(giu’ e’ dimostrato)

Il buco del filtro applicato su un particolare della foto ufo Marte dimostra i pixel mancanti

Passiamo a considerare l’ipotesi Raggi cosmici Qualcuno sostiene che quella luce sia un raggio cosmico, Atri sostengono , Nasa compresa, che sempre un raggio cosmico abbia colpito la telecamera provocando un malfunzionamento fotografico

Prima di avventurarci nel considerare queste due ipotesi che ho unificato dobbiamo considerare che Curiosity ha un sistema fotografico MastCam: comprende due fotocamere digitali affiancate e posizionate sulla “testa” del rover, alta circa due metri.

Le fotocamere hanno una focale fissa di circa 100 mm equivalenti, catturano immagini a 1.600 x 1.200 pixel e hanno una definizione che, secondo la NASA, permette di identificare oggetti di 5 centimetri distanti 300 metri.

L’uso di due fotocamere affiancate permette di generare a bordo immagini stereoscopiche che danno una sensazione di tridimensionalità. La luce in questione e stata ripresa dalla Mast Cam di destra il giorno 3 aprile 2014 alle 0re 15:10 circa

La MastCam destra di Curiosity riprende la luce

Mentre la Mast cam di Sinistra pur fotografando la stessa zona non riprende la luce

quella di sinistra niente luce

 

 

da entrambe le camere dimostrerebbe che questa luce non e’ un artefatto reale bensi’ un difetto della camera pertanto i raggi cosmici potrebbe essere una valida ipotesi.

Cosa strana e che il giorno dopo alle ore 14: 40 la Mast Cam di destra rileva la stessa luce

 

 

 

destra

Mentre quella di sinistra niente

 

Perche’ una cam riprende la luce e’ l’altra no per due giorni consecutivi ? Perche’ probabilmente non scattano la foto allo stesso istante, fotografando la zona in tempi diversi(la differenza potrebbe essere anche di nani-secondi).

L’angolo di visuale potrebbe essere diverso data la diversa altezza cui sarebbero disposte le telecamere a causa dei dislivelli del terreno di Marte, un solo millimetro di differenza potrebbe produrre  foto differenti. A questo punto e’ sempre piu’ difficile considerare valida l’ipotesi che un raggio cosmico colpisca in giorni diversi la stessa telecamera facendo apparire una luce uguale o che la telecamera abbia avuto la fortuna di riprendere per due giorni consecutivi un raggio cosmico…… Si d’accordo, ma cosa sono i raggi cosmici? sono particelle ricche di energie provenienti dallo spazio che colpiscono tutti i corpi celesti compresa la terra in maniera rilevante(una particella per centimetro quadrato per secondo ) La loro natura è molto variegata, così come la loro origine: stelle, novae , supernovae, i quasar….. Mentre sulla terra siamo difesi da una densa atmosfera e quindi questi raggi non hanno un’influenza rilevante sul nostro fisico e le apparecchiature elettriche, su pianeti ad atmosfera meno densa come Marte raggi cosmici pongono grossi problemi sulla salute degli astronauti e quello che interessa a noi sugli strumenti elettronici che se non protetti da schermi subiscono malfunzionamenti, nel caso di Curiosity chi ha progettato le telecamere non ha previsto questi raggi ? Ricordiamo che le foto sono importanti per studiare il terreno anche per mappare il pianeta e necessario quindi immagini nitide senza corpi estranei o altri

E’ possibile che la telecamera di Curiosity abbia fotografato un raggio Cosmico ? I raggi cosmici possono essere rilevati da apparecchiature piuttosto complicate quali i rivelatori di raggi gamma MAGIC, HESS, VERITAS e Fermi-GLAST, non risulta che il sistema Mast Cam abbia queste capacita’ D’altra parte penso ci sia stata una confusione tra i raggi cosmici e i lampi di luce nello spazio profondo osservati da diversi astronauti ovvero il fatto che gli stessi raggi colpiscono gli occhi degli astronavi, precisamente la retina provocando la visione di lampi, ma questi visibili a occhio nudo, non possono essere fotografati da macchine digitali semplici Mi sento di scartare l’ipotesi Raggi cosmici nelle due varianti. Consideriamo adesso l’ipotesi Aberrazione ottica: Il termine deriva dal latino aberratio, che significa, deviare da ciò che è normale, infatti è la differenza tra l’immagine effettiva cioe’ quella che si e’ ottenuta da uno scatto fotografico e l’immagine che si voleva invece ottenere.

Le aberrazioni consistono in scarsa nitidezza, deformazioni dell’immagine, differenze tra le immagini corrispondenti ai diversi colori, non uniformità della luminosità. Una delle cause che maggiormente ci interessa e’ un intensa luce che attraversando la lente a prisma si scompone in diversi colori Non penso effettivamente che quella luce e’ una aberrazione ottica dovuta ad una intensa luce. Sotto si nota la differenza di una ipotetica aberrazione ottica e la famosa luce su Marte .

si noti la differenza della luce ed un ipotetica aberrazione ottica

 

Potrebbe, allora, essere un riflesso del sole a mo’ di specchio di una roccia, ma quali rocce potrebbero riflettere in quella maniera cosi’ visibile: uno specchio?

L’ipotesi piu’ interessante: una sfiammata dovuta alla fuoruscita di Metano Un ipotesi interessanti perche’ dimostrerebbe per certo la presenza di metano abiotico o abiogenico su Marte,(se fosse biotico cioe’ formato da sostanze organiche quali fossili di animali o piante dimostrerebbe la presenza in passato di vita sul pianeta ) che comunque comporterebbe conseguenze importanti da un punto di vista scientifico : Le rocce ignee (peridotiti) che si sono formate sulla superficie terrestre a causa di movimenti tellurici nel corso dei secoli sono state modificate dall’acqua piovana; questa modifica, detta “serpentinizzazione” perche’ produce un minerale secondario detto appunto “serpentino”: produce idrogeno e anidride carbonica la cui combinazione forma il metano……ebbene su Marte si sono formazioni di rocce serpentiniche simili a quelle presenti sulla terra ,che farebbe supporre la presenza nel sottosuolo di Gas, Un fatto che potrebbe far ipotizzare la presenza di microorganismi viventi, infatti alcuni scienziati ritengono che la serpentinizzazione sia alla base dell’origine della vita sulla Terra : comporterebbe il passaggio da chimica inorganica a organica a basse temperature ovvero Il metano prodotto a basse temperature, sarebbe stato il detonatore del il ciclo organico alimentando i primi batteri cosa che benissimo potrebbe essere successo e sta succedendo su Marte.

Ma torniamo alla ipotesi sfiammata: cosa avrebbe potuto far incendiare questo gas visto che la temperatura massima che puo’ raggiungere il pianeta rosso e di circa 27 gradi? Pertanto potremmo considerare l’ipotesi di Degassamento legata ad attivita’ vulcaniche Il Degassamento vulcanico è un processo mediante il quale i gas si spingono verso la superficie attraverso il mantello e la crosta terrestre i gas liberati sono: vapore acqueo anidrite carbonica cloro sodio ed altri qui sotto le foto

 

 

“]degassamento vulcanico terrestre in bianco e nero

 

Sembrerebbe a mio parere osservando le foto sopra una certa similitudine con quelle su Marte (foto sotto)

Personalmente il degassamento da attivita’ vulcanica rappresenta l’unica ipotesi plausibile , le altre sono solo pseudo scienza. Per finire non capisco perche’ la Nasa non effettua fotografie o riprese per evidenziare la zona , uno studio approfondito sarebbe importante non per la ricerca ufologica ma per scoprire tracce di vita legata al metano abiotico che abbiamo detto potrebbe essere fondamento della nascita’ della vita, non capisco perche’ alcuni siti e mezzi di informazione ,anche famosi, non studiano cio’ che scrivono come l’ipotesi raggi cosmici…. Forse la loro maggiore preoccupazione e’ quello di smentire l’ipotesi Ufo? alla faccia della scienza….- In ogni caso grazie a queste luci ho potuto capire alcune cose come i raggi cosmici aberrazioni ottiche o fotografiche, il gas abiotico e le nuove ipotesi di come si sia creata la vita a basse temperature be’ che dire come e’ bello essere ignorante……. L’aberrazione d’autore Fonti: Wikipedia Fonte: http://www.aliveuniverseimages.com/speciale-missioni/missioni-su-marte/mars-exploration-rover/msl-curiosity/754-nasa-curiosity-ufo-di-luce-e-rocce-a-forma-di-australia

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precauzioni per l'uso

QUESTO BLOG SI OCCUPA DI TEMATICHE UFOLOGICHE E MATERIE PSEUDO-SCIENTIFICHE, QUESTO BLOG NON AFFERMA CERTEZZE SOLO OPINIONI E IPOTESI PERSONALI AL FINE DI AMPLIARE CONOSCENZE
--------------------------------------------------------------------------------
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. IN OGNI CASO NON PUO’ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7.03.2001.

 

Ultimi Articoli
Avvertenza CookieQUESTO BLOG UTILIZZA COOKIE PER MIGLIORARE LA SUA NAVIGABILITA', PER FINI STATISTICI E PUBBLICITARI,PER MAGGIORI INFORMAZIONI LEGGI QUI OPPURE PUOI DISABILITARLI TUTTI O IN PARTE CLICCANDO QUI  CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE SUL BLOG NE ACCETTI TACITAMENTE IL LORO UTILIZZO ESSENDONE COMUNQUE A CONOSCENZA