Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Così come pubblicato da Nature , sono stati scoperti tre Esopianeti (fuori dal sistema solare) potenzialmente abitabili ad una distanza relativamente corta di soli 40 Anni luci.

Questi tre pianeti orbitano intorno ad una stella NANA Rossa che e siglata 2MASS J23062928-0502285 grande un decimo del sole e relativamente fredda di circa 2500°, hanno dimensioni che potrebbero essere quali la meta la stessa dimensione e 2 volte la terra.

Rispetto alla terra, due dei tre hanno un periodo orbitale che rispettivamente varia tra 1,5 e 2,4 giorni, , mentre il terzo ha un range piu’ largo da 4,5 e i 73 giorni

La scoperta e’ avvenuta grazie al Telescopio di nuova generazioni a raggi infrarossi, il Trappist ovvero il Transiting Planets and PlanetesImals Small Telescope, situato in Cile a 2400 mt di altitudine, necessario per poter utilizzare il nuovo metodo sei Transiti per scoprire esopianeti, metodo che consiste nel rilevare una diminuzione della curva della luce di una stella al passaggio di un pianeta .

Il trappist ha rilevato tre periodi regolari di diminuzione della luce della stella, segno della presenza di tre pianeti,

Non basta questi tre pianeti sono stati posti ai limiti di una virtuale fascia in cui e’ possibile la vita, ovvero in quella fascia dove il calore del sole non sia troppo alto e ne troppo freddo, appunto per permettere che l’acqua si formi allo stato liquido, fatto necessario per la vita .

Sebbene questi pianeti si trovino ad una distanza piuttosto ravvicinata alla loro Stella rispetto a quella della terra con il suo Sole , lo sviluppo della vita sarebbe, almeno nelle forme piu’ semplici, proprio per la Temperatura piu’ bassa rispetto a quella del Nostro Sole

trappist

differenza tra il nostro sole e’ la stella Trappist-1

L’importanza della Scoperta: grazie alla tecnologia dei telescopi a raggi infrarossi si puo’ adesso scoprire esopianeti vicino alle stelle Nane , da qui la possibilita’ di poter includere nella ricerca di vita anche quei pianeti che orbitano intorno a stelle Nane Rosse che prima erano escluse a favore delle stelle Nane gialle come il nostro Sole,aumentando i posti cui cercare, aumentano anche la possibilita’ di vita extraterrestre,

Non solo: Grazie alla relativa vicinanza a questi tre pianeti sara’ possibile tra pochi anni studiarne la loro composizione chimica, fatto importante per verificare la presenza di vita, (per esempio la presenza di metano infatti indica sicuramente la presenza di vita.)

Senza dubbio le ultime scoperte stanno moltiplicando le probabilita’ di vita Extraterrestre. Un giorno saremo noi gli UFO?

L’autore