Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Finalmente siamo giunti all’epilogo di un’altra profezia quella dei Maya,, in relativa ad una fine del mondo che si sarebbe dovuta verificare il 21 dicembre del 2012

Un’equipe di scienziati coordinato dall’archeologo William Saturno della Boston University ,ha scoperto nel complesso archeologico di Xultun in Guatemala, forse il più antico calendario Maia, risalente al nono secolo d.C.

secondo gli scienziati questo calendario può essere paragonato ad un contachilometri di una macchina, che si azzera e ricomincia da capo, così il calendario Maya termina e poi ricomincia da capo.

in poche parole i Maia non predissero nessuna catastrofe il loro calendario durava oltre il 2012 .

Fine dei giochi? no adesso inizio io :

Parlare col senno di poi è facile, ovvero dopo questa scoperta e’ semplice considerare la profezia del Maia c una stupidaggine, ma questo non è caso mio. in quanto già nell’articolo IL MIO DOSSIER SU FATIMA: NON FU MIRACOLO ho scritto in epoche non sospette che :“in ogni caso la scienza, religione, scettici ed altro dovrebbero avere ben chiaro il motivo delle apparizioni di Fatima e delle varie profezie: Nostradamus, la profezia di Malachia e quella dei Maya del 2012….. la paura” provocata dalla visione apocalittica di queste, perché in realtà esse sono solo uno mucchio di stupidaggini create per provocare paura all’umanità, del resto che senso avrebbe il pentimento una volta che fosse annunciata la fine del mondo, sono convinto che la fine del mondo è lontana dal verificarsi, nel frattempo dovremo preoccuparci di sconfiggere la paura che ci rende schiavi proprio grazie alla superstizione, con le sole tre armi che abbiamo a disposizione: scienza, ragione e vera religione.”

Non avevo assolutamente voglia di partecipare alla mattanza, di sviluppare,ovvero dimostrare che la stessa non avesse nessun fondamento scientifico, non mi andava di tirare in ballo la scienza per una cosa che io ritenevo essere una grande stupidaggine, m’ interessava di piu’ sapere chi e perche’ avesse messo in giro questa profezia ,ovvero le bufale che circolano in Internet e vari , più o meno sono simili e che hanno lo stesso motivo; tutto ciò mi portò a sviluppare l’articolo

In questo articolo il motivo può essere benissimo adattato per le profezia dei Maia oltre che la scoperta descritta sopra ,avalla ancor di più le ipotesi descritte nel già citato articolo:

alcune persone infettano il nostro mondo con una profezia ovvero sostengono che il 21 dicembre 1012 una catastrofe distruggerà il mondo, per avallare la loro previsione tirano in ballo i Maia ovvero danno la colpa a loro per queste previsioni, dopo un po’ di tempo si fa una scoperta dalla quale si dà per certo che i Maia non hanno fatto previsioni catastrofiche, nel frattempo si realizzano un’enormità di libri alcuni per dimostrare la veridicità’ della profezia, altri per contrastarla, si sprecano le proiezioni cinematografiche, alcune anche di bassa qualità, fatte in fretta e furia per approfittare dell’interesse suscitato dalla stessa, le previsioni, i dei Maia diventano un marchio commerciale, grazie questa a bufala parecchie persone riescono ad ottenere ottimi guadagni, popolarità e prestigio.

Il risultato di questa megacavolata è ridicola stupidaggine viene amplificata ,ingigantita, provocando paure non giustificate. Si sarebbe potuto risparmiare tempo e denaro per risolvere questa stupidaggine grazie ad un semplice ragionamento:” anche se ritenessimo che i Maia avessero fatto tale previsione è ciò è stato dimostrata cosa non vera, dovremmo chiederci quale tecnologia o potere divino avessero i Maia per poter indovinare precisamente il giorno il mese l’anno in cui saremmo tutti morti, continuando in questo giochetto potremmo sostenere che siano stati gli alieni ad informare di tutto ciò i Maia, ma la domanda è sempre la stessa ovvero che tecnologia potere divino avessero gli alieni per sapere tutto ciò? L’unica cosa certa che accomuna del resto Atei e credenti, umani e alieni è l’impossibilità di sapere il giorno il luogo l’ora il mese di un anno in cui moriremo.

Un ragionamento semplice semplice che forse vale più di 1000 argomentazioni para scientifiche. In ogni caso per il piacere di poter ammirare la cultura Maia ovvero andare più a fondo per risolvere l’enigma bastava leggere .informarsi sulla storia della civiltà dei Maia presente in molti rispettabili siti. testi storici ed ecc. Oppure cosa ancora più precisa rivolgersi ai discendenti della civiltà Maia.

La cultura Maia si basava molto sulla superstizione, per esempio In alcuni giorni ritenuti nefasti, si rinchiudevano nelle loro case, facendo ripetutamente scongiuri o riti propiziatori

Era loro abitudine fare delle previsioni riguardo l’era o ciclo successivo, un po’ come facciamo noi riguardo gli oroscopi stilati a fine anno o fine secolo che hanno piu’ o meno questo motivo: si prevedeva il cambiamento radicale di un mondo in senso positivo, si prevedeva la fine di ogni guerra, la nascita di un senso di fratellanza, di pace e serenità tra gli uomini, ,un diverso rapporto tra l’uomo e la natura non più mosso da fini economici. Inoltre prevedevano che per realizzare tutto ciò fosse necessario lottare contro le forze del male che avrebbero cercato in tutti i modi possibili di evitare che questo accadesse.

Si intuisce che queste non siano vere prove profezie ma probabilmente un rito propiziatorio un augurio la speranza di poter cambiare la loro condizione sociale, Per queste popolazioni con l’arrivo di Cristoforo Colombo e gli amici Spagnoli, inizio’ un lungo calvario; subendo, angherie e violenza sono stati costretti a integrarsi in un mondo completamente opposto al loro ,un mondo che prevedeva per loro ghettizzazione povertà è sistematica estinzione.

Queste previsioni in realtà non riguardavano tutto il mondo ovvero la terra ma forse solo la loro società, il loro mondo. E palesi quindi la speranza di costoro di veder distrutto questo mondo ovvero quello che i vari conquistatori stranieri avevano creato nelle loro terre.

Questo penso, sia l’origine di tali previsioni, in ogni caso è interessante sottolineare che la profezia che ho descritto precedentemente e che riguarda il ciclo successivo al 31 dicembre 1012 è molto simile a quella fatte per cicli precedenti, quindi se non è successo nessuna catastrofe in cicli precedenti nei quali sono state fatte identiche profezie è possibile logicamente pensare che anche dopo il 2012 non succederà niente, ma soprattutto si può sentenziare che in realtà Maia non avessero fatto nessuna profezia catastrofica. Altresì possiamo sostenere che queste profezie ovvero l’augurio di un cambiamento radicale della loro condizione sociale non si sia assolutamente realizzata, il fatto che l’Occidente abbia tirato in ballo per fini economici questa civiltà dimostra il contrario. ovvero che si è perpetuata un’ulteriore offesa alla stessa.

Uno dei risultati che ha ottenuto questa mega stupidaggine e quello di aver arrecato grave offesa alla storia e civiltà Maia che nell’immaginario collettivo precedentemente alla scoperta cui sopra sono stati considerati come una specie di “iettatori”

Penso sia giusto che chi abbia ottenuto dalla non previsione ottimi guadagni. riservi o destini una parte di essi ad organizzazioni o fondazioni che si preoccupano di difendere la storia la civiltà e i diritti civili del popolo dei Maia.

Ed ecco arrivare il momento in cui anch’io farò la prima profezia ovvero la profezia dell’ignorante:

sono certo che dal 2013 continuerò a pagare il mutuo……….incredibile le banche fanno profezie più precise dei Maya.

IL catastrofico autore