Tempo stimato di lettura: 2 minuti

L’invisibilità un mito antico tra magia e fantascienza, un sogno remoto dell’uomo : possedere questo potere , significa conquistare il mondo, immaginate di poter accedere a casa di una diva o divo senza essere visto , un esercito fatto da uomini invisibili, sarebbe invincibile.

Chi ha pensato che questo mito si potesse realizzare , alzi la mano!

che e’ diventato materia di ricerca scientifica risulta essere fatto stupefacente : possibile che gli scienziati abbiano dato retto a libri come L’uomo Invisibile o il film più moderno quale “L’uomo senza ombra” ?

Che il mantello, del maghetto Harry Potter, che rende invisibile potesse diventare realtà e’ un fatto stupefacente, ma e’ proprio così , gli scienziati hanno realizzato ” un Mantello che rende invisibile ”

In realtà l’invisibilità è un fatto studiato già da parecchi tempo , oggetto di ricerca, ovviamente non ricorrendo a pozioni magiche o oggetti mistici, ma sfruttando l’imperfezione dei nostri occhi , che possono essere ingannati, soprattutto in assenza di luce.

Un po’ di storia :

Nel 1967 Il fisico Russo/Ucraino Victor Veselago la prima volta in un articolo descrive la proprieta’ dei Meta-Materiali

John Pendry fu il primo a teorizzare la possibilita’ di realizzare un meta-materiale

Nel 1994 si riesce per la prima volta a d occultare un oggetto grazie a sensori e fotocamere processori ed altre apparecchiatura, l’unico problema e’ che non si riesce ad annullare l’ombra dell’oggetto

Nel 2006 alcuni scienziati ritengono possibile l’invisibilità grazie a dei materiali chiamati Meta-materiali capaci cioe’ di far deviare la luce per poi farla ritornare in una traiettoria normale, ingannando l’occhio , l’oggetto diventa invisibile integrandosi con l’ambiente e senza ombra.

Questi principi sono alla base dell’invenzione annunciata da Science (per consultare l’articolo bisogna registrarsi) : Un gruppo di ricerca composto dell’università della California a Berkeley, del Lawrence Berkeley National Laboratory e della università saudita King Abdulaziz coordinato da Xiang Zhang ha creato un piccolo mantello che ha reso invisibile e senza ombra , due cellule.

Le caratteristiche di questo mantello e’ la capacità di aderire perfettamente al corpo dell’oggetto anche se questo e’ appuntito o di forme strane ; composto da Meta-Materiale, ovvero di minuscole antenne d’oro, incastrate tra di loro dallo spessore di circa 80 miliardesimi di Metro .

Queste antenne hanno la capacità di deviare le luce per poi farla ritornare sulla normale traiettoria , con il risultato dell’invisibilità dell’oggetto coperto da tale mantello, nella “normalità'” dell’ambiente in cui e’ presente l’oggetto

Gli scienziati adesso puntano a rendere invisibili oggetti più grandi , ove le difficoltà sono maggiori e non e’ detto che si riesca, anche se in linea teorica e’ possibile.

Prima di arrivare ad avere il primo uomo invisibile ci sara’ comunque da superare alcune difficolta’ oggettive: quale, per esempio, l’impossibilita di vedere attraverso questo mantello che per funzionare alla perfezione dovrebbe coprire persino gli occhi rendendo “cieco” chi indosserebbe questo mantello.

L’invisibile d’Autore