Un Ignorante tra Scienza e Pseudo Scienza
Ultimi Avvistamenti

Avvistamento Ufo a Pomezia

Tramite il servizio WhatsApp nato per segnalazioni "leggere" ricevo da un testimone di un Avvistamento UFO s Pomezia cui metteremo le iniziali per proteggere la sua privacy G.R. ;« ...invio queste foto che allargando potrà esaminare meglio, da qualche giorno a Pomezia prov. Roma compare questa luce che pulsa e sembra costituita da una luce che gira come intorno un asse in precessione pulsando, nel tratto di cielo che vedo dalla finestra in cucina, mettendo il telefono su un cavalletto ...

Continua a leggere

Avvistamento UFO in provincia di Caserta alla Vigilia di Capodanno ?

Alla fine dell'anno ricevo una gradita sorpresa: una segnalazione di un avvistamento UFO vicino casa ovvero nel paese dove ho residenzaCosi mi segnalava un utente che vuole rimanere anonimoda G.S.: «ll giorno 31 dicembre di quest.anno esco di casa alle ore 6 30 circa per fare un pò di jogging passando per Piazza Bellarmino comunemente Piazza Mercato di Casapulla che lei probabilmente conosce. Casualmente nel cielo scorgo una luce che dapprima sembra immobile poi si muove lentamente da sinistra a ...

Continua a leggere

La telecamera della Stazione Internazionale Spaziale non ha ripreso nessun UFO, solo un rottame

Sono consapevole di aver trascurato la tematica ufologica , ma ho ritenuto necessario dedicarmi ha gli sviluppi relativi al nuovo coronavirusQuando è scoppiata anche mediaticamente l'epidemia ho previsto-ma non era difficile- il diffondersi di un panico che avrebbe sicuramente avuto influssi negativi proprio sul tentativo del contenimento del virus e quindi raccontarla con dati e notizie provenienti da fonti ufficilai mi è sembrato la cosa giusta-Così come indicare quelle bufale che grazie alla condivisione sui social sono diventate virale e ...

Continua a leggere

qui in cielo pronto a scattare

Il video virale dell' Ufo in California è un fake, ovvero solo un riflesso

Mi ha incuriosito un video che è diventato virale in rete pubblicato anche da  La Repubblica.it Video  che sotto potete ammirareRaccontiamo brevemente la storia dell'avvistamento : il 23 Luglio 2018 tale Douglas Benefield probabilmente impiegato nel sevizio di sicurezza notturna di un cantiere di Cathedral City, in California osserva nel monitor di un sistema di telecamera a circuito chiuso un oggetto che si alza in cielo per pochi attimi per poi sparire a velocità sostenuta "tipo fulmine" sebbene le riprese siano ...

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 15 minuti
I Miei Dossier

Questo articolo e’ frutto di annotazioni e nuove mie ipotesi sull’Ultima Cena di Leonardo di cui mi sono gia’ occupato con questo fortunato articolo,scritti messi da parte, quasi dimenticati.
Dopo la morte di Dario Fo’ , li ho ripresi , riletti e mi e’ venuta voglia di pubblicarli.
Sia chiaro non e’ una sviolinata al maestro “Post Mortem”, non ne condivido proprio la sua visione anarchica della Politica, ma cio’ non mi ha impedito di amarlo, di considerarlo come l’erede di Leonardo, in fatto di genio artistico e non. Scrivere dell’ultima cena e di Leonardo stesso che tanto ha interessato Fo, e’ il mio modo di ricordarlo.
Sia chiaro le mie ipotesi non hanno nessuna pretesa di verità, io ci credo ma non ho prove scientifiche solide, oltre che ipotesi; forse  il mio e’ un modo per eliminare erbacce in molti cervelli annebbiati da convincimenti di stampo scettico, un viaggio nel mondo dell’arte su simbolismi cristiani spesso dimenticati , simboli che rappresentano bellezza enorme per profani come me a zero di arte, ma con tanta voglia di sapere e curiosità…con il sempre valido dogma di non prendersi ma troppo sul serio
Togliamo un po’ di erbacce su San Giovanni La Maddalena,esoterismi e vangeli apocrifi:
La questione e’ sempre la stessa scritta nel mio vecchio articolo:L’ultima Cena di Leonardo: San Giovanni o La Maddalena ?….Solo Satira
Da una parte abbiamo Dan Brawn autore de “Il Codice Da Vinci” e Dario Fo, entrambi convinti che nell’Ultima cena di Leonardo ci sia Maddalena a fianco di Gesù, mentre dall’altra gli scettici a cui capo un critico d’arte di stampo Cicap,  che con questo articolo poi riveduto ,sostiene che si tratti solo dell’ apostolo Giovanni

In pratica Dario Fo’ e il figlio Jacopo sostengono che , come disegnato da Leonardo, La figura vicino a Gesù a caratteristiche fisiche ed atteggiamenti di una donna,

Per lo scettico, la figura non rappresenta nessuna novità , ovvero San giovanni sarebbe stato disegnato con carattestiche tali daevidenziare la sua Gioventu’ o verginita’cosi’ come  e’ scritto e rappresentato nei vari scritti cristiani, riesce persino a trovare il modello utilizzato per dipingere San Giovanni :il suo ragazzo di bottega “Gian Giacomo Caprotti, detto “Salaì”.

Visto che sono un ignorante mi fiderò del mio senso logico ed estetico

Osserviamo sotto il volto delpresunto  San Giovanni dell’ultima Cena

Da quanto sopra,  per quanto giovane vi sembra un Uomo ?

Adesso paragoniamo il personaggio sopra con altre donne disegnate da Leonardo?

Continua

 

La Somiglianza del Presunto San Giovanni con personaggi femminili disegnati dallo stesso Leonardo e’ evidente, soprattutto l’atteggiamento e’ lo stesso: occhi abbassati simbolo di timidezza, pacatezza, dolcezza o per alcuni atteggiamento sensuale…

Come giustifica questo fatto lo scettico?

con la  Legenda Aurea: Dio lo volle vergine, e perciò il suo nome significa che in lui fu la grazia: in lui infatti ci fu la grazia della castità del suo stato virginale, ed è per questo che il Signore lo chiamò durante le nozze, mentre lui voleva sposarsi.» Ecco dunque che l’aspetto di Giovanni visto come un “giovane vergine” al contrario di altri apostoli raffigurati come uomini maturi, spesso barbuti, si spiega senza ricorrere a fantomatiche Maddalene nascoste.

A dimostrazione di cio’ mostra innumerevoli quadri i cui San Giovanni(parer mio) non hanno  sembianze femminili ma di un giovani imberbi.

Forse e’ il momento di sciogliere il mistero del Apostolo Giovanni verginale che si abbandona tra le braccia del Cristo tipico di molti quadri

E’ un bellissimo simbolo che rappresenta una dottrina cattolica cardine nello spiegare le funzioni del Cristo stesso,

Significa abbandonarsi completamente nelle braccia del Cristo, affidarsi ciecamente al suo volere alle sue volontà, al suo amore, con la stessa innocente fiducia e trasporto di un bimbo che si butta tra le braccia del suo padre.

Quindi  per rappresentare tale dottrina ,viene utilizzato Giovanni come simbolo ,rappresentato con boccoli senza barba che  come un bimbo  si abbandona tra le braccia del cristo.

Altro e’ il fatto di disegnare Giovanni effeminato,concetto che nulla a che fare con la dottrina spiegata sopra.

Ma lo scettico persevera facendo ancora riferimento alla Legenda Aurea :Alcuni sostengono che Maria Maddalena fosse la sposa di Giovanni Evangelista, che stava per prenderla in moglie quando Gesù chiamandolo lo distolse dalle nozze. Per questo, cioè per il fatto che le aveva portato via lo sposo, offesa se ne andò e si dette ad ogni tipo di dissolutezza», ma aggiunge che «tutte queste cose sembrano essere false e prive di fondamento». Dunque le leggende-gossip su Maddalena, Gesù e Giovanni non le ha inventate sicuramente Dan Brown.”

Infatti non le ha inventate Dan Brawn e non sono leggende-gossip, infatti troviamo tracce di Maria Maddalena come sposa di Gesù o quanto meno discepola, nel Vangelo apocrifo di Filippo vangeli apocrifi  che in altre occasione sono oro colato per lo stesso scettico, cose vecchie che malgrado la rivisitazione del suo articolo non ha sentito il bisogno di affrontare, sebbene il mio precedente articolo e’ ben in vista in Google…

Ma la legenda Aurea rappresenta fonte storica?

E’ una raccolta medievale sulla vita di santi e  composta in latino da Jacopo da Varazze (o da Varagine), frate domenicano e vescovo

In pratica ha lo stesso valore di  un libro sulla storia del  calcio scritto da un Ultras Napoletano(o di altra squadra)

Del resto e’ proprio nella Legenda Aurea che troviamo una Maddalena che si trasferisce in Franciae che incomincia a predicare il Vangelo , insomma roba da Dan Brown…

Addirittura lo scettico ha la prova certa che Leonardo avrebbe di certo voluto disegnare San giovanni con il quadro sotto

Bravo a scovare questa che forse e’ una rarissima rappresentazione, un po’ meno ad interpretarla, infatti cosi la descrive :

 

“Ecco invece un dipinto molto interessante. Nella chiesa di Santa Maria o del Purgatorio a Carunchio (Chieti) è visibile questo affresco raffigurante l’Ultima Cena. Il solito Giovanni ha la testa appoggiata sul petto di Gesù, Giuda ha in mano il sacchetto dei soldi come in tanti altri dipinti con lo stesso soggetto, ma oltre agli apostoli sullo sfondo si vedono altri due personaggi, un uomo con cappello e una donna.”

Continua:

“La donna invece ha in mano un recipiente, probabilmente l’ampolla degli unguenti e in questo caso la figura sarebbe quella della “donna col vaso di alabastro” descritta nella scena della “cena a casa di Simone” nei vangeli secondo Marco e Matteo, o Maria di Betania se prendiamo come fonte il vangelo secondo Giovanni:

«Gesù si trovava a Betània nella casa di Simone il lebbroso. Mentre stava a mensa, giunse una donna con un vasetto di alabastro, pieno di olio profumato di nardo genuino di gran valore; ruppe il vasetto di alabastro e versò l’unguento sul suo capo. Ci furono alcuni che si sdegnarono fra di loro: Perchè tutto questo spreco di olio profumato? Si poteva benissimo vendere quest’olio a più di trecento denari e darli ai poveri!» (Mc. 14)
«Mentre Gesù si trovava a Betània, in casa di Simone il lebbroso, gli si avvicinò una donna con un vaso di alabastro di olio profumato molto prezioso, e glielo versò sul capo mentre stava a mensa. I discepoli vedendo ciò si sdegnarono e dissero: Perché questo spreco? Lo si poteva vendere a caro prezzo per darlo ai poveri!» (Mt. 26).
La donna identificata tradizionalmente come Maria Maddalena fa così la sua inusuale comparsa in un’Ultima Cena mostrandosi chiaramente come un personaggio ben distinto dal giovane Giovanni, biondo e boccoluto, col capo reclinato sul petto di Gesù.”

In poche parole secondo lo scettico siccome in questo quadro e’ presente Maria di Betania insieme a  Giovanni, anche

nell’ultima Cena di Leonardo, e’ presente Giovanni e non la Maddalena

Un equazione o sillogismo particolare, che ha una premessa sbagliata, quella di identificare come Ultima cena con variante, quella del quadro di Chieti, quanto in realtà il quadro potrebbe rappresentare uno di tre possibili episodi raccontati nella Bibbia che nulla a che fare hanno con l’ultima Cena, Non l’ho affermo solo io, In questo sito che spiega il quadro di Chiedi  e’ indicata una delle possibili rappresentazione.

Ma veniamo ai tre episodi da cui trae ispirazione l’autore del quadro
Vangelo di Matteo 26, 6-13:

“Mentre Gesù si trovava a Betania, in casa di Simone il lebbroso, gli si avvicinò una donna con un vaso d’alabastro pieno di profumo di gran valore e lo sparse sul capo di lui, che stava a mensa. Veduto ciò, i discepoli s’indignarono e dissero: “A che tanto spreco? Il profumo poteva vendersi molto caro e dare il prezzo ai poveri”. Ma Gesù accortosene, disse loro: “Perché date noia a questa donna? Ella ha fatto un’opera buona verso di me. I poveri, infatti, li avete sempre con voi, me invece non sempre mi avrete. Poiché essa, spargendo questo profumo sul mio corpo, lo ha fatto per la mia sepoltura. In verità vi dico: in tutto il mondo, ovunque sarà predicato questo vangelo, sarà pure narrato quello che essa ha fatto, a ricordo di lei”.

 

Vangelo di Luca 10, 38-42

 

“Mentre Gesù si trovava in cammino, entrò in un villaggio, e una donna di nome Marta lo accolse in casa sua. Ella aveva una sorella chiamata Maria, che si era seduta ai piedi di Gesù e ascoltava la sua parola. Marta occupata nelle varie faccende domestiche, si fece avanti e disse: “Signore non t’importa che mia sorella mi lasci sola a servire? Dille che mi aiuti”. Ma Gesù le disse: “Marta, Marta, tu t’inquieti e ti affanni per molte cose; ma una sola è necessaria: Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta”.

Addirittura il Vangelo di Giovanni

“Sei giorni prima di Pasqua Gesù andò a Betania, dov’era Lazzaro che egli aveva resuscitato dai morti. Lì gli offrirono una cena: Marta serviva a tavola e Lazzaro era uno dei commensali. Maria, presa una libbra di profumo di nardo puro, molto prezioso, unse i piedi di Gesù e glieli asciugò con i suoi capelli, e la casa fu ripiena del profumo dell’unguento. Giuda Iscariote, uno dei suoi discepoli, quello che stava per tradirlo, borbottò: “Perché non si è venduto tale unguento per trecento denari che si potevano dare ai poveri?” Disse questo non perché gl’importasse dei poveri, ma perché era ladro e, tenendo la borsa, portava via quello che si metteva dentro. Rispose Gesù: “Lasciala, che conservi questo unguento per il giorno della mia sepoltura. I poveri li avrete sempre con voi, me invece non mi avrete sempre”. Molta gente dei Giudei venne a sapere che egli era là e vi andarono, non per Gesù soltanto, ma anche per vedere Lazzaro che egli aveva resuscitato dai morti. Allora i Gran Sacerdoti deliberarono di far morire anche Lazzaro, perché molti, a causa di lui, abbandonavano i Giudei e credevano in Gesù.”

Una comparazione di un quadro quello di Leonardo che rappresenta L’ultima Cena con uno che tutto rappresenta tranne La stessa Cena, Si potrebbe sostenere che niente cena niente Maria Maddalena

Un altro errore e’ identificare in maniera, quanto meno univoca, la figura di Maria di Betania con la Maddalena

Per i Vangeli canonici La Maddalena è Maria di Magdala , di Magdala, non di Betania , infatti il Vangelo secondo Luca prevede che:

Assieme a Susanna e Giovanna, come una delle donne che assistevano Gesù con i loro beni. Secondo tale vangelo, esse erano spinte dalla gratitudine: proprio da Maria Maddalena «erano usciti sette demòni». Costoro finanziavano personalmente la missione itinerante del Maestro.

Fonte Wikipedia

Inoltre Secondo Matteo 27:55; Marco 15:40-41; Luca 23:55-56 era una della tre Marie che accompagnarono Gesù anche nel suo ultimo viaggio a Gerusalemme…

 

Secondo la tradizione non sopportata da nessun vangelo sia Canonico o Apocrifo:

La Maddalena sarebbe  Maria di Betania sorella Di Lazzaro, l’amico resuscitato, famosa per l’episodio dell’Unguento sopra descritto

E la peccatrice da non confondere con Maria di Betania cosa fatta dalla Legenda Aurea…

In conclusione abbiamo un quadro che non rappresenta l’Ultima cena in cui c’e’ una sola delle tre  ipotesi riguardo l’identità della Maddalena , probabilmente quella meno accreditata.

A questo punto mi viene in mente la domanda piu’ semplice che esista : ma esiste un disegno di Leonardo che rappresenti la Maddalena? si esiste e’ questa qui giu’

Non vi sembra che abbia una somiglianza con il Presunto Giovanni dell’Ultima Cena?

Mi dispiace le ipotesi scettiche mi sembrano piuttosto fallaci, almeno queste sono le mie opinioni

Se vi sta’ appassionando la questione allora continuiamo con un interessante nuova ipotesi proposta da Giacobbo, il conduttre di Voyager :

ipotizza che il coltello sotto visibile nell’Ultima cena non appartenga ne a Pietro ne a Giuda

 

 

ma ad un altro apostolo non visibile; Quindi secondo Giacobbo, quello che e’ stato identificato come La Maddalena o San Govanni potrebbe essere La madonna , ricapitolando: nella scena sarebbero presenti gli apostoli, tutti, e la Madonna

Non sono un pittore ne esperto di tecnica di pittura, mi aiutero’ grazie al simbolismo, qui penso e’ necessario

Ovviamente l’ipotesi di Giacobbo e di  altri ricercatori, riguardo il coltello che potrebbe appartenere ovvero essere impugnato da Giuda o nascosto apostolo  e non da Pietro e’ contrastata dal solito Scettico in questo articolo che vi prego di leggere:

Le sue contro ipotesi si basano oltre che suo famoso sghignazzo, sui soliti quadri, scritti e vangeli che riportano la scena di Pietro con coltello(spada)  per difendere Gesu’ nell’Orto degli ulivi .

La posizione da contorsionista per lo scettico non esiste malgrado Ferruccio Rondinella, Specialista in Ortopedia e Dirigente, da lui stesso richiamato nell’articolo , ha affermato:  “la mano che impugna il pugnale nel Cenacolo di Leonardo da Vinci non può appartenere al personaggio Pietro. degli strani e anomali rapporti tra la mano e la restante parte dell’arto, ne deriverebbe un’improbabile grave deformità post-traumatica”.

Ovviamente il dottore analizza il quadro secondo le sue cognizioni scientifiche , ma per lo scettico, non basta e’ da prova che la posizione di Pietro con coltello e’ possibile fotografandosi lui stesso, sotto propongo una giusta comparazione della sua posa con quella di Pietro

E’ uguale l’inclinazione ? ,  quale sarebbe l’appoggio di Pietro ? cosa evidente invece nella postura quasi retta dello scettico, il braccio e mano eseguono la stessa contorsione di Pietro? ne dubito

Oltretutto lo scettico come prova porta un presunto schizzo di braccio che si Ritiene (attenzione si ritiene ) essere stato fatto dallo stesso Leonardo sotto la foto

A questo punto sarebbe opportuno verificare il coltello e braccio dell’Ultima cena prima dell’ultimo restauro.

Lo ha fatto   intelligentemente e senza preconcetti Alberto Cottignoli che sul suo profilo personale risulta essere Laureato in Filosofia (1978) e in Storia e Conservazione delle Opere d’Arte (2013) all’ Università di Bologna.- Esperto di pittura vascolare attica – Esperto di numismatica. Pittore famoso in Oriente:3 personali nei musei di Taipei (Taiwan) 2 al Khia Nan Museum, 1 al Museo Nazionale di Storia

ho scritto i suoi titoli per indicare che non si tratta di un pseudo ricercatore, ma persona specializzata che sul suo blog dedica una ricerca proprio sul problema coltello .questo e’ il Link

Sebbene esperto , si e’ rivolto anche lui ad un medico specialista che ovviamente conferma la stessa diagnosi del dottor Ferruccio Rondinella

 

Adesso osserviamo sotto il particolare rubato dal suo blog del quadro che non ha ancora subito l’ultimo restauro

Ma prendiamo il particolare del braccio sotto ingrandito

E’ evidente che se c’e’  contorsionismo, e’ esagerato, ma cosa strana e’ che il colore della manica cui fuoriesce mano e coltello e’ diversa dal mantello e tunica di Pietro ?

adesso compariamo il braccio non restaurato con lo schizzo prova dello scettico

Mi domando , nello schizzo presunto di Leonardo, dov’e’ la Mano con il Coltello? allora di che stiamo parlando?

Ma riprendiamo la versione ristrutturata del coltello e braccia

cosi come indicato da Alberto Cottignoli dove si potrebbe sedere  Pietro, visto che tra Giuda e il Presunto Giovanni, proprio di spazio non c’e’ ne ;Forse il problema e’ proprio il coltello, non e’ che i restauratori come suggerisce sempre il Cottignoli abbiano preso come modello il famoso disegno del braccio sopra indicato ?

Oltretutto e’ proprio impossibile una rappresentazione di Giuda con coltello ? No! per lo scettico che ha affermato: nell’articolo: All’incredibile Giacobbo, il quale sostiene che di Giuda nel Cenacolo si vedrebbe solo la mano col coltello (ma quando mai Giuda ha avuto in mano un coltello? in quale pagina di quale testo canonico o apocrifo? in quale altra opera d’arte al mondo?), 

Leviamoci questa erbaccia e’ mostriamo questo quadro sotto

E’ la parte centrale de la Pala del Santissimo Sacramento realizzata dal pittore fiammingo Dieric Bouts In cui vediamo Giuda con un coltello evidentemente suo, indirizzato inverso Gesu’, cosi come gli altri due personaggi in abili tipici fiamminghi

Il coltello di Giuda, rivolto verso Cristo,indica l’intenzione  del suo tradimento e il suo distacco dal disegno di grazia che il Signore stava rivelando.

Il coltello nelle varie rappresentazioni cattoliche ha un suo significato: Se l’agnello rappresenta Gesu’ che si sacrifica per la salvezza dell’uomo, il coltello che penetra e uccide l’agnello , rappresenta il tradimento, quindi  rappresenta Giuda,ovvero il mezzo per cui cio’ che e’ scritto si compie.

Altro che’impossibile legare il simbolo del coltello con Giuda…

Le mie ipotesi riguardo il coltello e’ che lo stesso non appartenga a nessuno dei personaggi, sia cioe’ il simbolo del tradimento che cova sotto l’odio, il mezzo attraverso il quale si compie il destino di salvezza di Gesu’

Bello vero?  anche per chi e’ Ateo.

Dopo le ipotesi altrui e’ arrivato il momento di richiamare le mie ipotesi riguardo La maddlalena o Giovanni ,sempre leggibili nel mio articolo www.emilioacunzo.it/lultima-cena-di-leonardo-san-giovanni-o-la-maddalena-solo-satira

In poche parole partendo dall’ambiguita’ del personaggio di Giovanni/La Maddalena ,ribadita anche nella Gioconda dove qualcuno vede il volto di Leonardo  intersecato con quello di Lisa Gherardini, giu’ la foto

Considerando l’omosessualità di Leonardo e il fatto che abbia utilizzato come modello il ragazzo di bottega (fatto scoperto proprio dallo scettico che pero’ non si interroga sul fatto di utilizzarlo come modello per rappresentare San Giovanni) invaghitosi , per la sua ambigua bellezza, scrisse infatti il Vasari: L’artista “prese in Milano Salaì Milanese per suo creato, il quale era vaghissimo di grazia e di bellezza, avendo begli capegli, ricci et inanellati, de’ quali Lionardo si dilettò molto; et a lui insegnò molte cose dell’arte, e certi lavori che in Milano si dicono essere di Salaì, furono ritocchi da Lionardo”;

Ho ipotizzato che inserendo un personaggio ambiguo forse uomo, forse donna, Il genio Fiorentino abbia voluto inserire un elemento sarcastico o satirico in quella che e’ la scena principe della dottrina cattolica , un modo per dileggiare la chiesa per le sue ottuse chiusure sulle scelte sessuali. In poche parole un grande sfotto’ per la stessa Chiesa

Le mie ipotesi a prima vista sembrano grosse stupidita’ ma alcune ricerca seguenti o in contemporanea  da parte di ricercatori titolati, hanno in qualche modo rafforzato incredibilmente le fondamenta

 

 

Iniziamo con il ricercatore Silvano Vinceti, famoso tra l’altro, per la scoperta dei presunti resti di Caravaggio;  Ha annunciato che: “il viso della celebre Gioconda,  sarebbe il risultato dell’incrocio di due volti, quelli di un uomo e di una donna. Per il ricercatore Il “lato femminile” potrebbe essere Lisa Gherardini, mentre per il “lato maschile” (si fa per dire) Caprotti, detto il Salaì, spesso usato dal maestro come modello, anche per i ritratti femminili, per i suoi tratti androgini.”

Scelto per il suo tratto androgino? e quello ho praticamente scritto per San Giovanni alias La Maddalena !

La ricercatrice italiana Carla Glori ha affermato che   “Il maestro ha nascosto il proprio profilo rovesciato per così dire ‘sotto l’ascella’ della fanciulla che vi è ritratta di profilo. Comparando il ‘profilo nascosto’ con quello della fanciulla si nota una straordinaria somiglianza, che nella parte inferiore del volto è addirittura una ‘coincidenza’ sovrapponibile, mentre la parte che va dalla base del naso alla fronte diverge solo quel tanto che permette di caratterizzare l’inconfondibile fisionomia di Leonardo stesso”

la mimetizzazione d Leonardo con la Ambrosiana

Insomma viene confermata la caratteristica del Genio nel confondersi con volti femminili , quale sarebbe lo scopo?

 Non ultimo, ritorniamo all’ Ultima Cena con una scoperta di Mario Taddei del centro studi Leonardo 3 di Milano che dichiara: “Durante il lavoro di analisi e restauro digitale dell’intero Cenacolo vinciano è emerso uno strano ed inquietante intruso. Un serpente o drago disegnato da Leonardo. Si tratta di un disegno collocato nell’angolo in basso dello stemma sforzesco centrale. La sua forma e posizione non è compatibile con il classico drago milanese,ma si dovrebbe trattare di una figura che esce dallo stemma e si arrampica su un arbusto o drappo laterale. È curioso notare che la sua posizione è proprio coincidente con la testa del Cristo sottostante. Il disegno è sicuramente di mano vinciana e si può confrantare con altri draghi e serpenti come quelli del disegno Windsor n°12282a. È ipotizzabile che Leonardo si sia
“divertito” a creare un trompe d’oeil di carattere allegorico per prendersi gioco dei suoi committenti sicuramente stanchi del lungo protrarsi dei lavori di realizzazione del dipinto. Leonardo finì infatti con molta calma se non controvoglia il suo maggior capolavoro (sempre che lo abbia davvero terminato).”

Sotto possiamo osservare la posizione del serpente nel quadro

Foto rubata dal centro studi Leonardo3 di Milano

Ed ecco il Serpente in una foto sempre  del centro Leonardo

Insomma tra i tanti significati il simbolo del serpente con l’arbusto e’ collegabile all’androginia

L’androginia è la combinazione di elementi o caratteristiche maschili e femminili in una stessa persona. Tale “ambiguità” può fondare la propria identità di genere o anche solo lo stile di vita esteriore

Fonte Wikipedia

 

Il serpente rappresentebbe la sinuosita’ della donna come fonte di sapere ,mentre l’arbusto ,il fallo come fecondida’ della conoscenza, elementi che aggrovigliati , indicano l’indivisiblita’ ,la perfezione ; perfetta proprio perchè l’androginia  si alimenta da se stesso non ha bisogno di fattori esterni per soddisfarsi

Chissa’ se Leonardo credeva nella perfezione dell’ Androginia, sicuramente  rimanse affascinato da  Salai considerato da molti come icona  dell’Androginia in ambito pittorico.

Quindi se il dottor Mario Taddei ipotizza che il serpente sia stato inserito da Leonardo per prendersi gioco del committente, posso ipotizzare allo stesso che Leonardo abbia inserito un elemento Androgino quale San Giovanni/Maddalena  dissacrante per  la chiesa , facendosi gioco non solo dei committenti, ma di tutto il clero.

Certo e’: che ci sono un infinita’ di ipotesi su questo quadro , tutti hanno ragione, tutti hanno torto;forse’ e’ questo il vero motivo dell’Ultima Cena, sembra proprio che Leonardo ci stia eternamente prendendoci in giro; Magari con l’altro grande Maestro , Dario Fo’ sta ridendo di gusto, osservando da lassù, noi tapini a cercar una soluzione che forse non esiste…forsé e solo Satira.

AVVERTENZE : Ho utilizzato immagini e parte di articoli di vari autori cui ho ampiamente indicato le generalita’  con collegamenti dove trovare il materiale cui sopra  ,in quanto fondamentali per la mia ricerca e porre in essere l’argomento trattato.

Spero che nessuno si senta offeso, in quanto ho voluto solo valutare le varie ipotesi, senza nessun allusione alla cultura, prestigio ed altro degli autori chiamati in causa, cui ho il massimo rispetto. In ogni caso chi si sentisse danneggiato da questo articolo mi avvisi cliccando su questo link  oppure in home sul link Segnalazioni abusi del Blog

 

L’ignorantissimo d’autore

2 risposte a Le mie novita’ sull’Ultima Cena di Leonardo al netto delle ipotesi Scettiche

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PRECAUZIONI PER L'USO

Si avvisa il gentile lettore che questo blog dal 19 -SET-2019 ritorna ad occuparsi di ufologia,continuando, comunque ad affrontare novità scientifiche e pseudoscentifiche; SI RICORDA CHE QUESTO BLOG NON AFFERMA CERTEZZE SOLO OPINIONI E IPOTESI PERSONALI AL FINE DI AMPLIARE CONOSCENZE... CON AFFETTO

Ultimi Articoli
ULTIMI AVVISTAMENTI
I dossier del Blog
Archivi
Piu’ letti oggi

ULTIMO AVVISTAMENTO
Pensa a loro

Save the Children Italia Onlus

Banner vaccini
Contro ogni violenza verbale

Croce Rossa Italiana
Avvertenza CookieQUESTO BLOG UTILIZZA COOKIE PER MIGLIORARE LA SUA NAVIGABILITA', PER FINI STATISTICI E PUBBLICITARI,PER MAGGIORI INFORMAZIONI LEGGI QUI OPPURE PUOI DISABILITARLI TUTTI O IN PARTE CLICCANDO QUI  CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE SUL BLOG NE ACCETTI TACITAMENTE IL LORO UTILIZZO ESSENDONE COMUNQUE A CONOSCENZA  
Inviami il tuo avvistamento
segnallazioni Ufo
Avvistamenti storici per regione
L’angolo del ricercatore
Qui puoi verificare il passaggio visibile della ISS
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 1.063 altri iscritti

Seguimi su Twitter
Visitor counter

visite febbraio 2018

Your IP: 3.92.74.105

<a href=”http://www.copyscape.com/”><img src=”//banners.copyscape.com/img/copyscape-banner-blue-160×56.png” width=”160″ height=”56″ border=”0″ alt=”Protected by Copyscape” title=”Protected by Copyscape – Do not copy content from this page.” /></a>