Un Ignorante tra scienza e pseudoscienza
Tempo stimato di lettura: 6 minuti
Pseudo e Bufalite

La data fatidica del 21 dicembre 2012 si avvicina, la profezia dei Maya sebbene non viene assolutamente presa in considerazione in ambito scientifico: in realtà il calendario degli stessi continua dopo tale data, tale profezia non parla assolutamente di un’apocalisse ma di una svolta epocale che riguarda la loro società , e che in passato tante sono state le profezie di apocalisse che per fortuna non si sono realizzate, trova grande risalto sui Mass media tanto da provocare alcuni isterismi ovvero comportamenti poco normali.

Per curiosità ho raccolto alcune notizie esilaranti che riguardano proprio questi comportamenti al fine di farci qualche risata e soprattutto capire l’effetto delle nostre paure

Una menzione particolare meritano la premier australiana Julia Gillard, e l’emittente Triple J autori di uno scherzo televisivo: su questa emittente la premier ha annunciato un discorso alla nazione nel quale ha dichiarato che la profezia dei Maia si sarebbe realizzata ,una scena apocalittica che credo abbia fatto scatenare per pochi attimi il panico fra la popolazione, per fortuna sempre durante la trasmissione la premier ha dichiarato che si trattava di una mega scherzo, mi domando era necessario questo scherzo?

ed erano necessarie le dichiarazioni scherzose fuori onda del primo ministro russo Medved circa il fatto che il governo russo è a conoscenza che numerosi alieni vivono sul nostro pianeta? collegare alla fatidica data la presenza di un esercito di extraterrestri sulla terra può scatenare panico nella sua Russia?

dove peraltro è quella che rimane più influenzata da tali profezie infatti: In alcune regioni, la gente sta letteralmente assalendo i supermercati facendo scorte di viveri, acqua, e tutto ciò che sia necessario per sopravvivere all’apocalisse. Addirittura le persone che hanno più disponibilità economica stanno costruendo dei bunker. Sono segnalate scene di isteria collettiva addirittura gruppi di persone che chiedono perdono per i peccati commessi

qualcuno sta approfittando di questa situazione per esempio nella città siberiana di Tomsk si sta vendendo un “kit apocalisse”

contenente grano saraceno, una scatoletta di pesce, candele e fiammiferi, vodka medicinali di ogni tipo Immancabile la bottiglia di vodka. giochi è addirittura una carta di identità da compilare a mano nel caso si smagnetizzi quella tradizionale: costo 890 rubli (circa 20 euro). In una settimana già sono 1000 le persone che lo hanno comprato, addirittura alcuni siti stanno vendendo indulgenze a prezzi convenienti….. 500 rubli più o meno 12,50 euro per dei coupon necessari per la redenzione dei peccati. La cosa assurda è che sono stati venduti circa 200 coupon .

La Russia non è l’unica a subire attacchi di panico, anche in Messico si vendono i kit di sopravvivenza, alcuni hotel il 21 dicembre ospiteranno i clienti in maniera gratuita , del resto il turismo grazie a tale profezia sta ottenendo molti benefici infatti saranno oltre 50 milioni i turisti che arriveranno in Messico, Honduras, Guatemala, El Salvador e Belize luoghi in cui ha avuto origine la presunta profezia del calendario Maya. Sarà conveniente viaggiare con l’aereo il 21 dicembre, infatti molte compagnie per evitare che quel giorno di aerei siano molti hanno fatto proposte davvero conveniente Voli da Roma per Londra, Parigi e altre capitali europee sono disponibili a poco più di 10 euro, mentre per Barcellona, Berlino, Madrid dai 14 ai 45 euro. Ma continuando con le assurdità per esempio in California sono stati costruiti venti bunker sotterranei garantiti per sopravvivere a cambiamenti climatici estremi, bombardamenti, disastri chimici, biologici e nucleari, grandi circa dieci metri per tre capaci di ospitare circa 200 persone, con scorte di cibo per almeno un anno, il prezzo ? un posto letto puo’ costare fino a 50 mila dollari. In Spagna bunker sono stati costruiti nella Sierra de Madrid e nella Sierra Nevada, in Andalusia. In Italia, le richieste sono triplicate

ma c’è chi nel sopravvivere all’apocalisse provvede da solo: è il caso del cinese Lu Zhenghai, che, utilizzando tutti i suoi risparmi, ha costruito un”arca c’è da domandarsi cosa se ne farà di questa arca dopo il 21 dicembre

c’è chi non stanco delle profezie apocalittiche per avallare la fine del mondo addirittura ipotizza che Gangnam Style il ballo da fantino del coreano sarebbe un presagio dell’apocalisse fatto predetto addirittura dal famoso Nostradamus in questa quartina. “Dalla calma del mattino, giungerà la fine. Quando del cavallo danzante il numero dei cerchi sarà nove”, ove il cavallo danzante sarebbe il cantante stesso, la calma del mattino sarebbe la Corea che significa proprio la terra della calma del mattino e i nuovi circhi significherebbero il miliardo (cifra a nove zeri) di visualizzazione su You tube che questo tormentone dovrebbe ottenere prima del 21 dicembre

In Italia è diventata famosa proprio per le profezie Maya la località pugliese di Cisternino che secondo un gruppo di fedeli di Babaji , il maestro indiano avrebbe profetizzato che Cisternino sarà risparmiata dal cataclisma che potrebbe abbattersi sul pianeta terra, altro che italiani coraggiosi, secondo dati confermati dal sindaco della cittadina gli hotel hanno già registrato il tutto esaurito. È probabile che il cosiddetto “ashram”, santuario,

secondo come importanza solo a quello che ha sede in India, in cui si riuniscono i devoti della particolare dottrina orientale con capienza non superiore 200 persone sia preso d’assalto proprio nei giorni della profezia,

a teorie simili a quelli di Babaji credono anche il cineasta statunitense Gregory Snegoff e la moglie psicoterapeuta Fiorella Capuano che hanno fondato nella vicina Ceglie Messapica il primo “Giardino di pace del nuovo tempo” d’Europa, “la loro fine del mondo” sarà fatta di sconvolgimenti sociali, di un cambio di rotta dell’umanità intera, una sorta di mutazione di frequenza che sancirà la morte del materialismo esasperato. Stesso discorso per un paese francese dei Pirenei Bugarach, alle pendici dei Pirenei francesi, anch’esso sopravvivera’ alla fine del mondo secondo esperti di esoterismo, si prevede che circa 20mila persone nei prossimi giorni assaliranno il paese fatto che desta preoccupazioni al sindaco della localita’

Bisognerebbe creare o inventare un kit di sopravvivenza per salvaguardarci dalle paure scaturite dalle profezie, già parliamoci chiaro tutti noi un pizzico di preoccupazione ce l’abbiamo, purtroppo la paura è un tarlo che si insinua nei nostri pensieri.

Non dobbiamo aver vergogna di provare tale sensazione, dobbiamo sconfiggerla grazie alla razionalità e rivolgerci alla scienza: ci sono in Internet migliaia di siti di prestigio che possono aiutarci a farci capire che nessuno può predire la fine del mondo, del resto le previsioni di apocalisse nel corso della storia sono state a migliaia e tutte non realizzate, ci sono state, ci sono e ci saranno e quindi dovre mo imparare a convivere con queste stupidaggini.

Per capire fino in fondo una profezia bisogna andare alle sue origini, quella dei Maia ce lo spiega Vincenzo Reda, scrittore appassionato di archeologia e autore del libro “101 Storie Maya che Dovresti Conoscere Prima della Fine del Mondo” sicuramente meritevole di essere letto a differenza dei tanti libracci pro e contro apocalisse che sono apparsi in questi anni, secondo Reda la profezia dei Maia è nata grazie a un professore di storia dell’arte del Minnesota tale Joseph Anthony Argüelles che dopo la laurea in Storia dell’arte ed Estetica conseguita nel 1969 all’Università di Chicago, si dedica all’insegnamento (ha tenuto lezioni nelle università di Princeton, della California, Davis, al San Francisco Art Institute e al Naropa Institute) e sviluppa ricerche in ambito new age. Appassionato della cultura Maia pubblica un libro “il fattore Maia” dove lo studioso attribuisce al 21 dicembre 2012 un significato “apocalittico”. Il fatto strano è che lui ottiene questa data confrontando il calendario Maia con i nostri, capirete un miscuglio alla base della fatidica data di cui non c’è neanche un accordo unanime, pertanto dovremmo preoccuparci di un errore di data?

se avete ancora paura leggete quanto ha dichiarato il vescovo cileno, monsignor Bernardo Bastres Florence, si è fatto portavoce di una richiesta singolare lanciando un appello: chi ha paura e teme la fine del mondo consegni i beni alla Chiesa cattolica. Il prelato ha spiegato all’agenzia Fides che «se molti credono che il mondo finirà il 21 dicembre, noi, come Chiesa, non abbiamo alcun problema se la gente ci vuole intestare i propri beni e lasciare le proprietà». Beh lui sì che ha capito tutto della profezia…

che dite lo prepariamo l’albero di Natale è presepe? assolutamente sì

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precauzioni per l'uso

QUESTO BLOG SI OCCUPA DI TEMATICHE UFOLOGICHE E MATERIE PSEUDO-SCIENTIFICHE, QUESTO BLOG NON AFFERMA CERTEZZE SOLO OPINIONI E IPOTESI PERSONALI AL FINE DI AMPLIARE CONOSCENZE
--------------------------------------------------------------------------------
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. IN OGNI CASO NON PUO’ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7.03.2001.

 

Ultimi Articoli
Avvertenza CookieQUESTO BLOG UTILIZZA COOKIE PER MIGLIORARE LA SUA NAVIGABILITA', PER FINI STATISTICI E PUBBLICITARI,PER MAGGIORI INFORMAZIONI LEGGI QUI OPPURE PUOI DISABILITARLI TUTTI O IN PARTE CLICCANDO QUI  CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE SUL BLOG NE ACCETTI TACITAMENTE IL LORO UTILIZZO ESSENDONE COMUNQUE A CONOSCENZA