Tempo stimato di lettura: 4 minuti

Dopo la mucca pazza, l’aviaria ecco all’ orizzonte una nuova grande preoccupazione: l’Escherichia coli, il batterio denominato dai mass medio come il Nuovo Batterio Killer

La situazione:

Dodici sono Le nazioni in cui si sono verificati i casi di infezioni di  e.COLI 0104:H4(Il nome scientifico Del Batterio):

In Germania sono circa 2000 le persone infette , nelle altre cioe’ Inghilterra Francia, Austria Svizzera Svezia Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Norvegia, Olanda, Danimarca e gli Stati Uniti sono 87

 

Ultimora: E’ Falso allarme il caso sospetto in Italia. Il turista tedesco, ricoverato all’ospedale di Merano, con problemi intestinali ha contratto una semplice influenza gastro-intestinale. il laboratorio di Bolzano dopo aver analizzato il campione delle analisi del paziente tedesco ha escluso che si tratta del batterio E.coli enteroemorragica (Ehec).

In Italia quindi per ora nessun caso

 

Origini del batterio:

L’ Escherichia coli in condizioni normali vive nell’intestino umano e animale e lo aiuta a funzionare. Ci sono diversi ceppi.

Quello che si e’ sviluppato e spaventa l’Europa, si chiama Stec 0104:H4 che e’ capace di procurare malattia perché produce una potente tossina chiamata Vero-citotossina, sostanza che agisce come un veleno. Si sviluppa nell’intestino poi, attraverso la mucosa, passa nel sangue e colpisce il rene provocando una complicanza molto grave: la sindrome emolitico uremica( diarrea, colite emorragica, malassorbimento dei nutrienti a livello intestinale, emolisi dei globuli rossi, lesioni dei glomeruli renali con uremia acuta ,elevati valori di creatininemia, azotemia.) La conseguenza peggiore è l’insufficienza renale acuta che richiede la dialisi e rischio di decesso.

Come si trasmette:

i ruminanti rappresenterebbero il serbatoio iniziale trasmettendolo a latte o carne, attraverso la dispersione delle feci, nell’acqua e prati, puo’ contaminare l’ambiente: La dispersioni di feci nelle acque necessarie e utilizzate per l’irrigazione, favorisce la contaminazione di prodotti agricoli.

Di conseguenza l’uomo puo’ essere infettato da piu’ prodotti vegetali e animali.

Mentre e’ altamente improbabile la trasmissione da uomo a uomo .

Sintomi

primo è la diarrea, che nel giro di poche ore diventa emorragica. Ci si deve allarmare quando assume queste caratteristiche e compaiono tracce di sangue. Rivolgersi al medico. I sintomi sono diversi dalle coliti batteriche classiche. Niente febbre, forti dolori addominali. Spesso l’infezione è scambiata per appendicite. La diarrea da Escherichia coli nella maggior parte dei casi si risolve da sola nel giro di 4-5 giorni. Nei casi sfortunati la tossina va in circolo per provocare anemia e insufficienza renale

Come difendersi :

  • accentuare l’attenzione sulle norme igieniche;
  • Lavare molto frequentemente le mani.
  • Lavare accuratamente le verdure utilizzando per esempio bicarbonato
  • Cuocere accuratamente le carne
  • Comprare i prodotti agricoli e carni da negozianti di fiducia che sono comunque riconosciuti sicuri .Prodotti in cui vengono chiaramente indicati le origini e i trattamenti che hanno subito.

Rischi:

Il Problema maggiore e’ che questo batterio non puo’ essere sconfitto dagli antibiotici. Pertanto non esistono cure per sconfiggerlo, ma solo cure che ne attenuano i sintomi.

Psicosi Collettiva il Vero rischio:

In realta’ la diffusione del batterio sembrerebbe sotto controllo .

Nella citta’ Amburgo  dove di sarebbe originato il batterio e dove ci sono il maggior numero di casi, affermano che il batterio non si starebbe espandendo in maniera esponenziale, cio’ escluderebbe una Pandemia.

Le misure attuate per questi casi dai vari paese possono garantire una limitazioni alla contaminazione

L’Italia rappresenta( vedasi i casi avaria e influenza dei polli) un modello per quanto riguarda la sicurezza alimentaria , ne consegue che forse e meglio evitare eccessive preoccupazioni

La Parola Batterio Killer e’ una brutta parola: secondo Timothy Jones, capo epidemiologo del Tennesse, “usare termini come batterio killer mutante è irresponsabile. Tutti i batteri mutano, e un ceppo particolarmente virulento non è raro”. Il fatto che che resiste agli antibiotici, non significa che il batterio E. Coli in questione sia particolarmente pericoloso. Negli Stati Uniti, scrive il New York Times, è dato per acclarato che l’E.coli non va affatto curato con antibiotici, anche se appartiene a un ceppo sensibile a questi farmaci, tanto più se poi il ceppo mostra segni di resistenza. Secondo Phillip Tarr, docente di pediatria alla Washington University, “gli antibiotici somministrati in caso di ceppo resistente servono solo a dare a quel batterio un vantaggio competitivo rispetto agli altri batteri intestinali che reagiscono ai farmaci, il risultato è che l’ambiente è ancora più favorevole all’infezione.

Invece i pazienti che soffrono di diarree emorragiche dovrebbero essere ricoverati in isolamento e sottoposti in primo luogo a terapie idratanti.. Il miglior trattamento rimane la somministrazione intravenosa di fluidi.

Inoltre gli americani ritengono che il E. coli 0104:H4, non sia poi così raro. “L’abbiamo visto prima” dice Robert Tauxe, vicedirettore delle malattie batteriche e trasmesse per via alimentare al Centers for Disease Control and Prevention di Atlanta. Che sia resistente agli antibiotici però pare effettivamente una novità: “Dov’è stato questo organismo per aver sviluppato queste resistenze?”. Appunto l’abuso degli antibiotici, anche per ingrassare animali da macello come i suini

I veri Danni:

La falsa notizia che fossero i cetrioli Spagnoli i veicoli di trasmissione dell’infezione ha provocato gravi danni al settore agricolo soprattutto in Spagna dove Il premier Josè Luis Rodriguez Zapatero, annuncia che chiederà un risarcimento alle autorità europee competenti, per le accuse infondate

Il danno commerciale è enorme per tutta l’Europa e anche per l’Italia che, ricorda Coldiretti, da sola esporta in Russia verdura e legumi per 4,4 milioni di euro di valore ogni anno. Anche se è oramai provata l’innocenza del cetriolo nella diffusione di questo batterio “mutante“ mentre probabilmente l’infezione parte addirittura dall’acqua, il danno è oramai fatto.

La psicosi nei confronti della verdura dilaga mentre la Coldiretti si augura che l’embargo non si allarghi pure alla frutta perchè in questo caso si parlerebbe di una perdita di 75 milioni di euro.

Un po’ di complottismo

L’allarmismo esagerato( tipo utilizzare sostantivi inquietanti come Batterio Killer) tale da sviluppare psicosi collettive, sembra essere giustificato da motivi meramente economici tant’e’ che la Russia in maniera esagerata ha imposto l’embargo alle importazioni di verdura e ortaggi freschi provenienti dai paesi della Ue

il batterio E.coli potrebbe essere una FORTUNA per chi come La Russia, ma anche per la Cina, puo’ cosi’ limitare le importazioni di prodotti agricoli con conseguente risparmio di capitali, oltre che indirizzare il consumo verso prodotti ritenuti sicuri e quindi valorizzarli per l’export.

Conclusioni:

Prestare molta attenzione ai consigli dettati dai dottori e Dal ministero della salute, ma evitare inutili ed esagerate preoccupazioni pericolose quanto il Batterio.

Arrivederci al Prossimo campionato di Batteri Killer …….dove si svolgera’????????

L’Autore