Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Dietro-front Neutrini: sarete sicuramente venuti a conoscenza del fatto che i neutrini non sono più veloci della luce, un malfunzionamento degli strumenti di misurazione della velocità ha falsificato l’esperimento eseguito nei laboratori del Cern e quelli del Gran Sasso.

Il fatto che i neutrini non viaggiano più veloce della luce è stato confermato da un altro esperimento eseguito nei laboratori Nazionali dell’ INFN da un gruppo di ricercatori coordinato dal premio Nobel Carlo Rubbia. B

ene almeno siamo venuti a conoscenza di una cosa certa e cioè che ancor oggi non esiste niente più veloce della luce e le teorie di Einstein sono tuttora valide. Chi ha avuto il piacere (almeno spero) di leggere il mio articolo “i neutrini più veloce della luce” si ricorderà di un mio quesito fatto in base alle affermazioni di un sito scettico cioè: chi canta vittoria dal fatto che i neutrini sono più veloci della luce? oggi alla luce degli eventi sopra descritti possiamo rispondere a questo quesito ponendo in essere due categorie: i perdenti e i vincitori

Nella categoria dei perdenti ovviamente sono stati inseriti non da me (io li adoro) gli scienziati che hanno eseguito l’esperimento “neutrini più veloci della luce” e comunicato al mondo scientifiche il successo di tale esperimento .

Una volta scoperto che l’ esperimento non è più valido, apriti cielo, si è scatenato una ridda di battutine, frecciatine, critiche rivolte agli scienziati di cui sopra, quasi che questi fossero degli stregoni; improvvisamente il carro degli scienziati si è svuotato, mentre altri carri si sono riempiti: peccato che coloro che si sono divertiti e sentiti vittoriosi, non sanno nulla di Scienza, già perché quello che hanno fatto gli scienziati del CERN e i nostrani dell’istituto del gran sasso è solo scienza: hanno, una volta verificato l’esperimento, illustrato lo stesso al mondo scientifico, cioè hanno sottoposto le loro teorie loro esperimenti al giudizio ovvero a verifica di quanti volessero accertarne la validità di ciò che essi hanno dichiarato. E sono stati loro stessi a scoprire l’inghippo, il tutto per migliorare le nostre conoscenze.

Del resto chi ha dato uno sguardo alla storia della scienza ha potuto verificare i tanti errori i tanti esperimenti sbagliati che l’hanno caratterizzata; è stato anche grazie a questi che l’umanità ha potuto aumentare il bagaglio delle conoscenze, gli stessi Einstein, Newton e Galileo hanno fatto errori, dovremmo ironizzare su questi?

Tanto per capire di chi stiamo parlando, gli scienziati dell’istituto del Gran Sasso, gravitano meritatamente nell’orbita del premio Nobel, dovremmo essere orgogliosi di questi pochi fiori all’occhiello della nostra povera Italia, invece di esaltare esotiche ricerche scientifiche pubblicate ed enfatizzate su tutti i Mass media, esempio: alcuni ricercatori hanno scoperto che lo spettegolare, parlar male di qualcuno produce effetti benefici al nostro organismo. Incredibile e meravigliosa scoperta che però non prevede alcune variabili piuttosto elementari e cioè: se immaginiamo che l’oggetto del mio pettegolezzo è un noto pugile è sempre immaginando che il pugile venga a conoscenza del mio sparlare, beh la sua reazione non credo produca effetti benefici sul mio organismo…

Se vi può consolare cari scienziati che avete iniziato questo difficile viaggio quale quello dei neutrini, anch’io mi sento parte anche se non lo merito di questa categoria.

Passiamo alla seconda categoria quella più numerosa: i vincitori

In questa categoria possiamo inserire meritatamente tutti quei siti, trasmissioni televisive, giornali ed altro che hanno utilizzato questo titolo: “i neutrini più veloci della luce? : una bufala”. Complimenti un ottimo metodo di divulgazione, già perché in base a quanto ho scritto sopra e grazie ai loro ragionamenti possiamo considerare la scienza tutta come “grossa bufala”. Perché non sostituire la scienza con una nuova materia quale per esempio: “L’anti- bufala”? non è che forse stiamo troppo abusando del termine bufala? e soprattutto: è chiaro a tutti il significato di tale termine?

In questa speciale categoria merita un posto l’ex Ministro Della Cultura che ha dichiarato soddisfatta di non essere l’unica ad aver fatto errori. Ringrazio la gentile signora per avermi fatto comprendere il significato di bufala, perché cara signora non tutti gli errori sono eguali.

Per ultimi e non in ordine di importanza abbiamo coloro che hanno profetizzato anzi consigliato in epoche non sospette in relazione ai neutrini più veloci della luce, di non cantare troppo presto vittoria. In questo caso ci sono osservazioni da fare.

La scienza considera una teoria valida fin quando non viene dimostrato scientificamente che questa sia errata, da ciò si desume che la scienza non dà certezze, lascia sempre aperta una porta al dubbio da qui possiamo logicamente chiederci quale è e se esiste il momento in cui si puo’cantare giustamente vittoria. La risposta al quesito è semplice: la frase cantare troppo presto vittoria per la scienza non ha alcun senso quindi se non Scientifica si può considerarla pseudoscientifica, da consiglio diviene profezia e guarda caso i profeti hanno sempre ragione, almeno e’ questo che loro sostengono…

Ti saluto Caro lettore con un ultima curiosita’ : A quale delle due categoria vorresti appartenere?

Lo sconfitto d’autore