Un Ignorante tra Scienza e Pseudo Scienza
Ultimi Avvistamenti

Avvistamento Ufo a Pomezia

Tramite il servizio WhatsApp nato per segnalazioni "leggere" ricevo da un testimone di un Avvistamento UFO s Pomezia cui metteremo le iniziali per proteggere la sua privacy G.R. ;« ...invio queste foto che allargando potrà esaminare meglio, da qualche giorno a Pomezia prov. Roma compare questa luce che pulsa e sembra costituita da una luce che gira come intorno un asse in precessione pulsando, nel tratto di cielo che vedo dalla finestra in cucina, mettendo il telefono su un cavalletto ...

Continua a leggere

Avvistamento UFO in provincia di Caserta alla Vigilia di Capodanno ?

Alla fine dell'anno ricevo una gradita sorpresa: una segnalazione di un avvistamento UFO vicino casa ovvero nel paese dove ho residenzaCosi mi segnalava un utente che vuole rimanere anonimoda G.S.: «ll giorno 31 dicembre di quest.anno esco di casa alle ore 6 30 circa per fare un pò di jogging passando per Piazza Bellarmino comunemente Piazza Mercato di Casapulla che lei probabilmente conosce. Casualmente nel cielo scorgo una luce che dapprima sembra immobile poi si muove lentamente da sinistra a ...

Continua a leggere

La telecamera della Stazione Internazionale Spaziale non ha ripreso nessun UFO, solo un rottame

Sono consapevole di aver trascurato la tematica ufologica , ma ho ritenuto necessario dedicarmi ha gli sviluppi relativi al nuovo coronavirusQuando è scoppiata anche mediaticamente l'epidemia ho previsto-ma non era difficile- il diffondersi di un panico che avrebbe sicuramente avuto influssi negativi proprio sul tentativo del contenimento del virus e quindi raccontarla con dati e notizie provenienti da fonti ufficilai mi è sembrato la cosa giusta-Così come indicare quelle bufale che grazie alla condivisione sui social sono diventate virale e ...

Continua a leggere

qui in cielo pronto a scattare

Il video virale dell' Ufo in California è un fake, ovvero solo un riflesso

Mi ha incuriosito un video che è diventato virale in rete pubblicato anche da  La Repubblica.it Video  che sotto potete ammirareRaccontiamo brevemente la storia dell'avvistamento : il 23 Luglio 2018 tale Douglas Benefield probabilmente impiegato nel sevizio di sicurezza notturna di un cantiere di Cathedral City, in California osserva nel monitor di un sistema di telecamera a circuito chiuso un oggetto che si alza in cielo per pochi attimi per poi sparire a velocità sostenuta "tipo fulmine" sebbene le riprese siano ...

Continua a leggere

Scienza

Tempo stimato di lettura: 9 minuti
Pseudo e Bufalite

Ho avuto finalmente il coraggio d’iniziare a scrivere e scriverò di Covid 19 , come sempre da  ignorante,  soprattutto del  famoso hastag #andràtuttobene ?

E’ andato tutto bene ? no è andato tutto male: La morte di migliaia di persone significa che non è andata bene, purtroppo male , un lutto immane;  Anche se non ho visto il loro volto mi pesano ognuno per la maledetta mia convinzione di non accettare fino in fondo razionalmente  una pandemia  nel 2020  malgrado le mie preoccupazioni erano già note a febbraio quando decisi di sospendere da divulgazione Ufologica per raccogliere dati provenienti dalla Cina per poter fare previsioni ovvero nella speranza di un contenimento del virus e quindi speranza

No non è andata tutto bene, disgustato da liti, gazzarre show da soubrette non da comare ma di chi si presume scienziato , titolo oramai troppo abusato, dal terrorismo mediatico di cialtroni tra venditori di fumo e moralisti da quattro soldi

No non e’ andata affatto bene ed è giusto vomitarlo soprattutto a chi oggi si considera eroe , vomitarlo quindi copiando il titolo da  un noto scienziato emigrato che per lo meno è un  ottimista non come  alcuni come lui definisce catastrofisti. Non pillole di ottimismo anche perché le pillole di solito non vengono ingoiate per goduria culinaria ovvero per allietare il nostro gusto ma pillole di razionalità critica:

Iniziamo con la pre-pillola quella più amara

Ricordo all’epoca della scoperta della coppia di Cinesi Positivi e ricoverati allo Spallanzani di tutti quei illuminati organizzatori di apericene o cultori della cucina Cinesi ovvero  dei famosi benpensanti autorevoli seguaci del” me l’hanno detto” preoccupati delle chiusure delle attività economiche degli imprenditori cinesi

Oggi Sulla Nazionale Appia vedo tante serrande Italiane, giù ,serrate come la speranza ad oggi , di chi mesi addietro con un notevole impegno economico incominciava un’attività sperando di poter realizzare un benessere economico…oggi I negozi Cinesi hanno riaperto in totalità e ne sono felice per loro, anche se amareggiato per i ragazzi

Gli Scienziati

Questo periodo ha aumentato la mia nostalgia per Scienziati quali  Rita levi Montalcino, Margherita Hack,Antonino Zichichi e Renato Dulbecco. Quando ascoltavi o  leggevi questi semidei ti veniva voglia di pronarci ai loro piedi  in segno di totale adulazione e sottomissione  alla scienza…erano capaci i farti innamorare della scienza , alcuni di questi sono scomparsi con un libro nelle mani segno di magnifica consapevolezza che non ci si può mai sentirsi arrivati davanti l’immensità della conoscenza…questa è l’umiltà dei grandi questa è scienza

Sono passati anni luce quando ci innamorammo della discussione meglio dibattito tra Einstein e Bohr: ” Dio non gioca a dadi con l’universo “che per noi rappresentava un altissimo regalo didattico mentre oggi  i nostri scienziati discute sulle possibilità di partecipare a Miss Italia

ne parliamo della surreale polemica riguarda la Terapia a base di plasma iperimmune?

Scusate il termine: ma che me ne fotte che costa assai ? visto che non esiste ancora un vaccino è importante soppesare  il suo costo quando potrebbe salvare la vita a parecchi pazienti ? lasciamo perdere

Soprattutto dove stà scritto che uno scienziato non possa sbagliare , no non avete capito molto di scienza : non dovete preoccuparvi  di scienziati che sbagliano , solo di quelli che credono di aver sempre ragione proprio perché la scienza non è aver ragione soprattutto dove stà scritto si debba  dare per forza delle risposte? . la scienza non ve  l’impone soprattutto non ha sempre le risposte

Ah proposito di parolacce : Non ho mai sentito da i vecchi scienziati termini volgari presenti adesso nei nuovi, vittime di recrudescenze adolescenziali da post Andropausa propugnatori della nuova scienza che si puo’ identificare nella frase “COME NATURA CREA…

Queste ovviamente sono le punte dell’iceberg,  Maree  previsioni e ipotesi scientifiche duravano in media 3 ore tranne poi contraddire e contraddirsi più velocemente possibile in un girotondo infinito senza capo e ne coda, degne di previsioni astrologiche giornaliere  con contorno di liti democratiche tra gladiatori  contornati da schiere di fans chiassose con tamburi e fischietti  della teoria  “cosi hanno detto”

E per fortuna tutto questo ha assunto  talvolta toni umoristici e surreali quando, per esempio, nell’assistere al quotidiano bollettino della protezione civile, per capire un esperto anche fine dicitore e ricercatore di un lessico particolareggiato, dovevamo munirci di vocabolario circa la Pandemia…e questo è diventato motivo satirico di alcune trasmissione

In tutto questo, l’apoteosi di denunce , diffide e richieste di chiusure di siti:, Già, oggi esiste la moda di annunciare a gran cassa la denuncia tramite social prima che ti arrivi comunicazioni ufficiali  per cui vi consiglio un rapido giro nei social a mò di Albo pretorio

si verifica quindi che un Parlamentare quale Sgarbi autore di un video sicuramente sbagliato ma che si è basato su alcuni giudizi soft di alcuni esperti venga denunciato….magari tra persone di buona volontà ci si poteva confrontare suggerire a Sgarbi riguardo il fatto che le sue convinzioni erano sbagliate e per questo correre al riparo

Si diffida una collega ad assumere atteggiamenti  soft dopo lettere a cuore aperto, liti ed espressioni poco felici

Si chiede la chiusura di un sito web per commesso il peccato di intervistare “L’Eretico” Montanari anch’esso denunciato- a proposito che fine ha fatto l’artico 21 ?

Paradossalmente per capire qualcosa soprattutto riguardo l’evolversi della Pandemia ho dovuto utilizzare il metodo del far da se cercando un interpretazione dei dati cinesi magari collegandoli alla situazione Italiane proprio per capire l’evoluzione della pandemia , ma una voce dall’Olimpo ci spiegava che bisognava dedicarsi ai dati Giapponesi ! ah si ? proprio esatto valutare il Giappone, penso che proprio guardando ai dati cinesi soprattutto dopo il loro lockdown si è potuto fare una scelta per l’Italia, valutando tra l’altro che  la Lombardia sembrerebbe aver avuto una similitudine proprio con la provincia di Hubei ,e  proprio dai numeri Cinesi, che  abbiamo tratto fiducia che la Pandemia possa essere contenuta…

In ogni caso non  vi è passato minimamente, così per errore,  per la testa che tutto questo marasma potrebbe contribuire  a creare  confusione e la confusione potrebbe  generare  panico, comportamenti persino pericolosi…magari chiedete di questo ad esperti eh

Potere mediatico :

Uno dei consigli lanciati dall’OMS fè stato  quello di evitare di spargere infodemia ovvero: “circolazione di una quantità eccessiva di informazioni, talvolta non vagliate con accuratezza, che rendono difficile orientarsi su un determinato argomento”, i nostri mass media credevano che tal consiglio non riguardasse loro già perché la morte ed altri macabri motivi sembravano e sembrano per loro un reality show una spettacolarizzazione cui non conoscono l’odore , quello del sangue.

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 4 minuti
Archeologia Ufo

Grazie a Curiosity, abbiamo visto di tutto su Marte , anzi ci hanno detto che avevamo creduto di aver visto di tutto , in realtà era solo Pareidolia , ovvero l’illusione di vedere ciò che speriamo di vedere; ma non è così: in quanto la Scienza adesso ci dice che in realtà abbiamo visto insetti e addirittura serpenti segno di una presenza di vita anche, abbastanza complessa su Marte , non solo in passato -sentite,sentite: Anche adesso!

L’entomologo anche piuttosto famoso William Romoser ,Professore emerito di entomologia medica dell’Università dell’Ohio durante il meeting annuale dell’ Entomological Society of America a St. Louis, in Missouri ha affermato candidamente:«La vita su Marte c’è stata e c’è ancora»

Il tutto studiando le foto che per anni la Nasa ci ha inviato tramite Curiosity : «Tre regioni del corpo, una sola coppia di antenne e sei zampe  sono tradizionalmente sufficienti per stabilire l’identificazione come insetto sulla Terra. Per gli artropodi bastano invece un esoscheletro e appendici articolate. Queste caratteristiche dovrebbero essere valide anche per identificare un organismo su Marte. Su queste basi, nelle foto dei rover si possono vedere forme simili ad artropodi e insetti terrestri».

I criteri spiegati in questo articolo scientifico   per riconoscere gli insetti vanno dai resti scheletrici, alla loro  differenza  anche di colore con le rocce circostanti, dalla simmetria del corpo fino ai raggruppamenti di forme diverse. Così  lo scienziato ha continuato: «una volta identificata e descritta una chiara immagine di una determinata forma, questa è stata utile per facilitare il riconoscimento di altri scatti meno chiari, ma comunque validi, che presentano la stessa forma base».
Altri aspetti ritenuti «coerenti con la presenza di forme di vita» sono stati la postura, l’evidenza di movimento, gli occhi lucenti. e addirittura il volo già perchè secondo lo scienziato una immagine sembrerebbe persino mostrare uno degli insetti in volo: prima in ripida picchiata e poi in risalita

ed ecco sotto le foto che dovrebbero spiegare le sue scoperte

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 4 minuti
Altro

 

Ed eccomi dopo un pò di pausa a scrivere di nuovo, pausa determinata da scarsa voglia di raccontare , dalla tristezza di molti fatti come la scomparsa di un Vicebrigadiere dei Carabinieri Mario Cerciello Rega vittima nell’esecuzione del suo dovere, un eroe che non voleva diventare eroe, solo fare nel migliore dei modi il suo lavoro.

Spero che anche quando il clamore mediatico dei fatti andrà scemando, non si dimentichi che esistono migliaia di uomini come Mario , dovremmo tutti fare qualcosa per rendere sicuro o quanto meno più sicuro possibile il loro lavoro per evitare che Mario ed altri Angeli , muoiono ogni giorno invano e non per mano dei loro assassini

Ho ascoltato, un video in diretta del ricercatore Davide Cristallo riguardo lo scoop di un gruppo o pagina facebook che non non nomino di una truffa in cui inconsapevolmente rimase coinvolto il famoso autore Biglino

Concordo in toto con il Cristallo: Sinceramente non me e non ce ne dovrebbe fregare altamente del passato di un ricercatore. Del resto  un ricercatore non fa mica il politico, il magistrato il poliziotto, dove il suo passato deve essere integro per dare una garanzia sociale; Il ricercatore racconta, descrive una ricerca , sta a noi giudicare quanto lui abbia scritto e non il suo passato, Sono rimasto allibito dei presunti scoop sul passato di Ufologi e ricercatrici , ovvero non me ne è fregato nulla di cosa abbiano combinato, mi dovrebbe interessare cosa propongono, ma questo sembrerebbe il nuovo paradigma dell’ufologia e in generale del complottismo: attaccare la persona, il suo passato e non le sue teorie. Vi è un tentativo di trasformare la ricerca in puerile sensazionalismo tutto Italico da Grande Fratello o da Salotti litigiosi.; Ma questa non è ricerca . la mia ricerca si basava su quanto veniva affermato. oggi la ricerca si fa in maniera del tutto parziale ovvero: mi è antipatico quel tizio, odio quell’associazione allora leggo studio e ricerco eventuali loro errori , facendo anche parziali ricostruzioni in modo tale che aderiscono alla mia voglia di offendere e  odiare. Ai miei tempi l’ufologia era qualcosa che ci univa, adesso ci fa odiare inzuppati dalla voglia Gollum-ista di apparire sempre e comunque a scapito degli altri e del loro passato

Ma scriviamo delle belle cose o quantomeno interessanti, alla Star Trek ovvero allo spazio come ultima frontiera

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 3 minuti
Altro

 

Qualcun sostiene che il paradiso  era a corto di Grandi, adesso si è riempito a sufficienza e pure oltre

Del resto seppur erano in età avanzata, dispiace tanto per la loro dipartita, ci sentiamo un pò più soli.

Andrea Camilleri  non era molto diplomatico ma sincero e leale, gli piaceva esprimere da uomo libero il suo pensiero e per questo che da taluni era ed è odiato.. per la sua libertà ovvero onestà Intellettuale

Qualcuno ha scritto su un blog di un noto giornale che è stato un buon Scrittore ma non buon maestro

In pratica è come se scrivessi  che D’annunzio sia stato  un gran Poeta ma pessimo maestro, in questo caso vi autorizzerei a gettarmi nell’Umido… La maestria o l’insegnamento sta proprio nella sua poesia, così come per Camilleri i suoi scritti rappresentano una eterna lezione , ma molti non sapranno mai trarre insegnamenti…

Conosco meglio Il Montalbano narrato che visto , i Libri di Camilleri ti fanno respirare, assaggiare , annusare gli odori della Sicilia , ti fanno vivere la Sicilia , la Cultura Siciliana; leggendo un libro di Montalbano è come viverci in Sicilia…ti dimentichi che lo stai leggendo, credendo di viverlo….Ciao Maestro Andrea

Eh si, è volato pure lui: il Professore Ingegnere e Filosofo Luciano, Luciano De Crescenzo

Eh Si è stato lui a ridarmi il dono dell Libero arbitrio, di poter sbagliare per libera scelta, non per seguire la Massa,

Eh Si è stato lui a farmi raggiungere la consapevolezza di eterna e immensa ignoranza…grazie

In ogni caso non ho ancora capito se Luciano sia stato  Un Cinico o Cireanico, un uomo d’amore o di libertà,  Credente o Ateo o almeno un Pò scettico  Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 7 minuti
Fact Checking

In questi ultimi periodi sono stati resi pubblici due  petizioni Italiane riguardo il riscaldamento del clima , una per porre a conoscenza il fatto che il riscaldamento del clima sia qualcosa di non verificato ovvero che non sia dovuto all’attività umani, anzi… e un’altra con l’intenzione di proporre un vademecum per difenderci dalle bufale che tendono a sminuire la gravità della situazione e della necessità di un intervento atto a regolamentare tra l’altro  l’emissione di CO2

In Particolare il fisico ’Roberto Buizza,docente dell’ Istituto di Scienze della Vita della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e coordinatore dell’iniziativa federata sulla climatologia con Scuola Normale Superiore e Scuola IUSS Pavia, ha scritto una lettere/petizione che ha raccolto 300 adesioni da parte di scienziati e intellettuale dal titolo : “No alle false informazioni sul clima. Il riscaldamento globale è di origine antropica “ con la quale si rivolge alle istituzioni chiedendo alle varie autorità di diverso livello  di agire affinché “l’Italia segua l’esempio di molti paesi Europei e decida di agire sui processi produttivi e il trasporto, trasformando l’economia in modo da raggiungere il traguardo di ‘zero emissioni nette di gas serra’ entro il 2050”.

Nella lettera si riafferma la validità degli studi e modelli climatici cui si basano le preoccupazioni circa il surriscaldamento globale

l’indirizzo dove potete  leggere per intero la Petizione è questo qui

Lettera che ha seguito involontariamente o meno, una petizione firmata nientepopodimeno da prof. Antonino
Zichichi e da altri illustri scienziati con la quale si invita le autorità a : “non aderire a politiche di riduzione acritica della immissione di anidride carbonica in atmosfera, con l’illusoria pretesa di governare il clima”

in quanto secondo il comitato promotore a differenza della petizione illustrata precedentemente: Il riscaldamento globale antropico è una congettura non dimostrata e dedotta solo da alcuni modelli teorici climatici.

Siccome sono un Gretino anzi Cretino che credo al riscaldamento globale Antropico, vi pubblico interamente la lettera e poi ne parliamo

Al Presidente della Repubblica

Al Presidente del Senato
Al Presidente della Camera dei Deputati
Al Presidente del Consiglio
PETIZIONE SUL RISCALDAMENTO GLOBALE ANTROPICO
I sottoscritti, cittadini e uomini di scienza, rivolgono un caloroso invito ai responsabili politici affinché siano
adottate politiche di protezione dell’ambiente coerenti con le conoscenze scientifiche. In particolare, è
urgente combattere l’inquinamento ove esso si presenti, secondo le indicazioni della scienza migliore. A tale
proposito è deplorevole il ritardo con cui viene utilizzato il patrimonio di conoscenze messe a disposizione
dal mondo della ricerca e destinate alla riduzione delle emissioni antropiche inquinanti diffusamente presenti
nei sistemi ambientali sia continentali che marini.
Bisogna però essere consapevoli che l’anidride carbonica di per sé non è un agente inquinante. Al
contrario essa è indispensabile per la vita sul nostro pianeta.
Negli ultimi decenni si è diffusa una tesi secondo la quale il riscaldamento della superficie terrestre di
circa 0.9°C osservato a partire dal 1850 sarebbe anomalo e causato esclusivamente dalle attività antropiche,
in particolare dalle immissioni in atmosfera di CO2 proveniente dall’utilizzo dei combustibili fossili. Questa
è la tesi del riscaldamento globale antropico promossa dall’Intergovernmental Panel on Climate Change
(IPCC) delle Nazione Unite, le cui conseguenze sarebbero modificazioni ambientali così gravi da paventare
enormi danni in un imminente futuro, a meno che drastiche e costose misure di mitigazione non vengano
immediatamente adottate. A tale proposito, numerose nazioni del mondo hanno aderito a programmi di
riduzione delle emissioni di anidride carbonica e sono pressate, anche da una martellante propaganda, ad
adottare programmi sempre più esigenti dalla cui attuazione, che comporta pesanti oneri sulle economie dei
singoli Stati aderenti, dipenderebbe il controllo del clima e, quindi, la “salvezza” del pianeta.
L’origine antropica del riscaldamento globale è però una congettura non dimostrata, dedotta solo da
alcuni modelli climatici, cioè complessi programmi al computer, chiamati General Circulation Models.
Al contrario, la letteratura scientifica ha messo sempre più in evidenza l’esistenza di una variabilità climatica
naturale che i modelli non sono in grado di riprodurre. Tale variabilità naturale spiega una parte consistente
del riscaldamento globale osservato dal 1850. La responsabilità antropica del cambiamento climatico
osservato nell’ultimo secolo è quindi ingiustificatamente esagerata e le previsioni catastrofiche non
sono realistiche.
Il clima è il sistema più complesso presente sul nostro pianeta, per cui occorre affrontarlo con metodi
adeguati e coerenti al suo livello di complessità. I modelli di simulazione climatica non riproducono la
variabilità naturale osservata del clima e, in modo particolare, non ricostruiscono i periodi caldi degli
ultimi 10.000 anni. Questi si sono ripetuti ogni mille anni circa e includono il ben noto Periodo Caldo
Medioevale, il Periodo Caldo Romano, ed in genere ampi periodi caldi durante l’Ottimo dell’Olocene.
Questi periodi del passato sono stati anche più caldi del periodo presente, nonostante la concentrazione di
CO2 fosse più bassa dell’attuale, mentre sono correlati ai cicli millenari dell’attività solare. Questi effetti non
sono riprodotti dai modelli.
Va ricordato che il riscaldamento osservato dal 1900 ad oggi è in realtà iniziato nel 1700, cioè al
minimo della Piccola Era Glaciale, il periodo più freddo degli ultimi 10.000 anni (corrispondente a
quel minimo millenario di attività solare che gli astrofisici chiamano Minimo Solare di Maunder). Da
allora a oggi l’attività solare, seguendo il suo ciclo millenario, è aumentata riscaldando la superficie terrestre.
Inoltre, i modelli falliscono nel riprodurre le note oscillazioni climatiche di circa 60 anni. Queste sono state
responsabili, ad esempio, di un periodo di riscaldamento (1850-1880) seguito da un periodo di
raffreddamento (1880-1910), da un riscaldamento (1910-40), ancora da un raffreddamento (1940-70) e da un
nuovo periodo di riscaldamento (1970-2000) simile a quello osservato 60 anni prima. Gli anni successivi
(2000-2019) hanno visto non l’aumento previsto dai modelli di circa 0.2°C per decennio, ma una sostanziale
stabilità climatica che è stata sporadicamente interrotta dalle rapide oscillazioni naturali dell’oceano Pacifico
equatoriale, conosciute come l’El Nino Southern Oscillations, come quella che ha indotto il riscaldamento
momentaneo tra il 2015 e il 2016.
Gli organi d’informazione affermano anche che gli eventi estremi, come ad esempio uragani e cicloni, sono
aumentati in modo preoccupante. Viceversa, questi eventi, come molti sistemi climatici, sono modulati dal
suddetto ciclo di 60 anni. Se ad esempio si considerano i dati ufficiali dal 1880 riguardo i cicloni atlantici
tropicali abbattutisi sul Nord America, in essi appare una forte oscillazione di 60 anni, correlata con
l’oscillazione termica dell’Oceano Atlantico chiamata Atlantic Multidecadal Oscillation. I picchi osservati
per decade sono tra loro compatibili negli anni 1880-90, 1940-50 e 1995-2005. Dal 2005 al 2015 il numero
dei cicloni è diminuito seguendo appunto il suddetto ciclo. Quindi, nel periodo 1880-2015, tra numero di
cicloni (che oscilla) e CO2 (che aumenta monotonicamente) non vi è alcuna correlazione.
Il sistema climatico non è ancora sufficientemente compreso. Anche se è vero che la CO2 è un gas s serra,
secondo lo stesso IPCC la sensibilità climatica ad un suo aumento nell’atmosfera è ancora estremamente
incerta. Si stima che un raddoppio della concentrazione di CO2 atmosferica, dai circa 300 ppm preindustriali
a 600 ppm, possa innalzare la temperatura media del pianeta da un minimo di 1°C fino a un massimo di 5°C.
Questa incertezza è enorme. In ogni caso, molti studi recenti basati su dati sperimentali stimano che la
sensibilità climatica alla CO2 sia notevolmente più bassa di quella stimata dai modelli IPCC.
Allora, è scientificamente non realistico attribuire all’uomo la responsabilità del riscaldamento
osservato dal secolo passato ad oggi. Le previsioni allarmistiche avanzate, pertanto, non sono credibili,
essendo esse fondate su modelli i cui risultati sono in contraddizione coi dati sperimentali. Tutte le evidenze
suggeriscono che questi modelli sovrastimano il contributo antropico e sottostimano la variabilità climatica
naturale, soprattutto quella indotta dal sole, dalla luna, e dalle oscillazioni oceaniche.
Infine, gli organi d’informazione diffondono il messaggio secondo cui, in ordine alla causa antropica
dell’attuale cambiamento climatico, vi sarebbe un quasi unanime consenso tra gli scienziati e che quindi il
dibattito scientifico sarebbe chiuso. Tuttavia, innanzitutto bisogna essere consapevoli che il metodo
scientifico impone che siano i fatti, e non il numero di aderenti, che fanno di una congettura una teoria
scientifica consolidata.
In ogni caso, lo stesso preteso consenso non sussiste. Infatti, c’è una notevole variabilità di opinioni tra
gli specialisti – climatologi, meteorologi, geologi, geofisici, astrofisici – molti dei quali riconoscono un
contributo naturale importante al riscaldamento globale osservato dal periodo preindustriale ed anche dal
dopoguerra ad oggi. Ci sono state anche petizioni sottoscritte da migliaia di scienziati che hanno espresso
dissenso con la congettura del riscaldamento globale antropico. Tra queste si ricordano quella promossa nel
2007 dal fisico F. Seitz, già presidente della National Academy of Sciences americana, e quella promossa dal
Non-governmental International Panel on Climate Change (NIPCC) il cui rapporto del 2009 conclude che
«La natura, non l’attività dell’Uomo governa il clima».

In conclusione, posta la cruciale importanza che hanno i combustibili fossili per
l’approvvigionamento energetico dell’umanità, suggeriamo che non si aderisca a politiche di riduzione
acritica della immissione di anidride carbonica in atmosfera con l’illusoria pretesa di governare il
clima.
Roma, 17 Giugno 2019
COMITATO PROMOTORE
1. Uberto Crescenti, Professore Emerito di Geologia Applicata, Università G. D’Annunzio, ChietiPescara, già Magnifico Rettore e Presidente della Società Geologica Italiana.
2. Giuliano Panza, Professore di Sismologia, Università di Trieste, Accademico dei Lincei e
dell’Accademia Nazionale delle Scienze, detta dei XL, Premio Internazionale 2018 dell’American
Geophysical Union.
3. Alberto Prestininzi, Professore di Geologia Applicata, Università La Sapienza, Roma, già Scientific
Editor in Chief della rivista internazionale IJEGE e Direttore del Centro di Ricerca Previsione e
Controllo Rischi Geologici.
4. Franco Prodi, Professore di Fisica dell’Atmosfera, Università di Ferrara.
5. Franco Battaglia, Professore di Chimica Fisica, Università di Modena; Movimento Galileo 2001.
6. Mario Giaccio, Professore di Tecnologia ed Economia delle Fonti di Energia, Università G.
D’Annunzio, Chieti-Pescara, già Preside della Facoltà di Economia.
7. Enrico Miccadei, Professore di Geografia Fisica e Geomorfologia, Università G. D’Annunzio,
Chieti-Pescara.
8. Nicola Scafetta, Professore di Fisica dell’Atmosfera e Oceanografia, Università Federico II, Napoli.

FIRMATARI…

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 4 minuti
I Miei Dossier

Avevo due opzioni : Analizzare un vecchio video di un presunto Ufo a Como  o contribuire a dipanare la solita confusione generata dopo la storica pubblicazione della foto di un Buco nero

Ho scelto il Buco nero, per Como ci sto lavorando e ci saranno sorprese…

sotto la presentazione della scoperta

Il 10 Aprile scorso il consorzio internazionale dell’ Event Horizon Telescope (EHT) ha mostrato quella che sembrerebbe la prima foto di un buco nero precisamente quello al centro della galassia M87 (Virgo A) distante dalla terra per  55 milioni di anni luce .

La galassia M87

Un fatto che ha emozionato ma anche creato polemiche , nel senso che qualcuno ha dichiarato che in realtà non si può trattare di una scoperta in quanto i buchi Neri sono provati dalla relatività generale di Einstein

La voce polemica più autorevole è stata sicuramente quella del Nobel Zichichi che ha dichiarato «Se sono entusiasta dello scatto del buco nero? No, è ovvio che doveva esser così, non è affatto una scoperta. È la foto di una cosa che doveva esistere, un oggetto talmente potente nella sua forza gravitazionale che non rilascia nemmeno la luce,» ancora : «Il progresso nasce dagli esperimenti che possiamo fare nei nostri laboratori. Dei buchi neri non sappiamo cosa farcene»ha concluso :«Quel che facciamo in laboratorio è di gran lunga più importante»

Qualcun’altro ha polemizzato proprio riguardo la foto, a loro modo di vedere, non è una vera foto ma una rappresentazione manipolata dai ricercatori stessi

Prima di addentarci nella polemica cerchiamo di capire cosa è un buco nero:

Si tratta di un corpo celeste previsto della “Relatività generale” un  risultato del modello gravitazionale o di interazione della gravità che fu migliorato dallo stesso Einstein sulle fondamenta di Newton, ha un campo gravitazionale cosi forte da non far uscire neppure la luce:

In pratica, ogni Buco Nero è circondato da una superficie limite(orizzonte degli eventi) che oltrepassata la stessa è impossibile  scappare dal buco; bisognerebbe avere una velocità di fuga velocità maggiore di quella della luce che in realtà non esiste e quindi nessuna cosa può uscire dal buco come sopra introdotto

La scoperta  dei Buchi nero  ha dato luogo ha diversi dubbi infatti tra le altre cose non combacia con il principio della conservazione , proprio perché non sappiamo dove finisca la materia intrappolata in esso

Chiaramente non è possibile osservarlo direttamente perché non c’e’ appunto luce  per vederlo , allora è necessario utilizzare le radiazioni di un oggetto che lo attraversa o meglio rimane catturato

Nel caso della foto i ricercatori hanno ricavato tali immagini grazie ad una nube di gas che ha attraversato il buco m87.

Per poter individuare o osservare un buco nero sarebbe stato necessario costruire un radioscopio di dimensione bibliche quanto una parte della superficie terrestre, proprio perchè l’oggetto ovvero il buco nero più vicino  è troppo distante; Quelli della Event Horizon Telescope (EHT) hanno superato il complesso delle dimensioni, realizzando un radioscopio virtuale, cioè  costruendo una rete di radioscopi ,otto per la precisione, sincronizzati da orologi atomici  utilizzando la tecnica dell’ interferometria , quindi un mega radisocopio che ha realizzato il capolavoro sotto

Descriviamo meglio questa foto

In pratica stiamo assistendo all’ombra del buco nero: la nube di gas attirata al suo interno, riscaldandosi, emette luce luce necessaria per poter essere osservabile dai radiotelescopi, rendendo visibile quindi la zona in ombra all’interno del buco nero fonte wikipedia

Quella proposta Event Horizon Telescope (EHT) è una vera foto ?

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 3 minuti
Pseudo e Bufalite

Le dichiarazioni di Antonio Raschi(Direttore Istituto Biometeorologia CNR Firenze) durante la trasmissione di Bruno Vespa ” Porta a Porta “ riguardo la situazione climatica hanno scatenato i fans delle scie chimiche e di coloro che credono alle armi climatiche usate nei confronti dell’Italia

Precisamente ha dichiarato: «…. Siamo tanti, al centro di un esperimento planetario, di cambiamento del clima, del quale non sappiamo bene gli effetti sul lungo periodo»

Sotto il video della parte incriminata

Bene siamo sicuri di essere stati in grado di capire ciò che il Raschi ha affermato?

Un esperimento mondiale climatico sull’Italia?, inteso come uso di armi climatiche da sperimentare su tutto il mondo, ovvero qualcuno che provoca disastri climatici sulla propria casa?

La cosa più elementare per un ricercatore è andare alla fonte, chiedere al Dottor Raschi stesso e io lo fatto

Qui di sotto lo scambio di email dal quale tutto si svela nella maniera più semplice possibile

Io: Buonasera , scusate il disturbo: Assistendo ad una trasmissione di Porta a Porta dove ha partecipato Il prof. Raschi ho ascoltato una sua frase che è diventata virale sui social nei quali il professare ha parlato di ” Esperimenti climatici anche sull’Italia”. Per evitare speculazioni di complottisti, potrebbe spiegare a noi ignoranti il senso delle sue affermazioni ?

Dottor Raschi:  Purtroppo quando non si è abituati a parlare in pubblico si usano espressioni che sono chiare a chi si occupa di ricerca, ma non altrettanto a chi cerca conferme alle proprie teorie prive di qualsiasi prova oggettiva. Le “scie chimiche” o altri complotti sono, diciamo, una “leggenda metropolitana” il cui unico risultato è distrarre

l’opinione pubblica dal vero problema: l’emissione di gas serra, di cui tutti siamo corresponsabili, che sta modificando in modo tuttora non prevedibile l’ambiente in cui viviamo.
Antonio Raschi

Io di nuovoNon avevo dubbi…a menti aperte, i suoi scritti seguono un giusto rigore scientifico; perciò penso che il modo più semplice per una verità incontestabile sia rivolgersi alla fonte, così come ho fatto. La ringrazio per avermi dedicato un po’ del suo prezioso tempo. Cordiali saluti.

 

Antonio Raschi :Per maggiore chiarezza:

quando si parla di esperimento globale si sta facendo ricorso ad una
metafora utilizzata spesso in climatologia per spiegare il recente
incremento del meccanismo dell’effetto serra terrestre ad opera delle
attività umane.

Già in un articolo uscito nel 1998 su Science (The greenhouse theory
of climate change: a test by an inadvertent global experiment,
Science,240/4850, 1998) il climatologo americano V. Ramanathan
utilizzava proprio questa metafora per spiegare la teoria dell’effetto
serra potenziato in relazione al cambiamento climatico.
Si legge nell’articolo: “Sin dagli albori dell’era industriale, le
concentrazioni atmosferiche di diversi gas attivi dal punto di vista
radiativo (come i gas a effetto serra) sono aumentate in seguito alle
attività umane. Il riscaldamento radiativo derivante da questo
inavvertito esperimento ha messo in disequilibrio il sistema climatico
rispetto all’energia solare in arrivo.”

 

Mi riferivo proprio a questa sorta di involontario esperimento che
l’umanità sta realizzando in modo all’inizio inconsapevole, poi da
qualche decennio consapevolmente: da oltre un secolo, con l’avvento
della società industriale basata sull’uso di combustibili fossili,
stiamo immettendo in atmosfera grandi quantità di gas ad effetto
serra, come l’anidride carbonica, che hanno alterato il bilancio
radioattivo terrestre e il sistema climatico con conseguenze che non
sono ancora del tutto conosciute.

Altre fonti autorevoli in cui viene utilizzata questa metafora:

NATURE
https://www.nature.com/scitable/knowledge/library/the-global-climate-system-74649049
We are able to observe the planetary energy balancing act at work
thanks to the unintended experiment which humanity is conducting by
adding carbon dioxide to the atmosphere. Since CO2 is a greenhouse
gas, we would expect to see the following: increased energy trapping
in the troposphere, increased surface temperature in response, and
decreased temperature in the stratosphere.

SCIENCE
https://www.jstor.org/stable/1701595?seq=1#page_scan_tab_contents
Since the dawn of the industrial era, the atmospheric concentrations
of several radiatively active gases have been increasing as a result
of human activities. The radiative heating from this inadvertent
experiment has driven the climate system out of equilibrium with the
incoming solar energy

MEDIUM BLOG
https://medium.com/s/how-geoengineering-really-works/why-researchers-are-figuring-out-how-to-hack-climate-change-with-solar-shading-68c67b6a1964
Starting with the Industrial Revolution (or perhaps even earlier),
humanity began an unintentional manipulation of the climate of planet
Earth, turning up a thermostat we didn’t realize was within our reach.
The carbon dioxide pumped into the atmosphere by burning fossil fuels
has raised global temperatures, resulting in a host of harmful impacts.

Insomma, si tratta di una metafora che gli addetti ai lavori conoscono
bene. I complottisti non la conoscono. Mi dispiace aver creato tutta
questa confusione.

Antonio Raschi

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 4 minuti
Scienza

Il clima impazzito che sta provocando molti danni e soprattutto morti sta riproponendo la teoria complottistica delle scie chimiche come armi climatiche

Leggo da molte parti che le piogge Tropicali cui l’Italia intiera sta flagellando sarebbe il prodotto di guerre climatiche usata contro l’Italia per costringerla ad addivenire a più miti consigli Guerra combattuta con l’irrorazioni di scie Chimiche

Sulle Scie Chimiche (scie di condensazioni) mi sono già espresso in questo articolo 

Io sinceramente credo , ma non si tratta di credere ma basarsi su ricerche scientifiche , che le scie di condensazioni siano un pericolo: infatti hanno capacità di creare cirri artificiali che come quelli naturali hanno capacita’ notevoli di assorbire i raggi terrestri e quasi nulla nell’assorbire quelli solari; Precisamente hanno la capacita’ di trattenere calore e quindi di aumentare l’effetto serra. Oltretutto a differenza di quelli Naturali i Cirri da espansione possono alterare la nuvolosità’ provocando piogge

In definitiva hanno la proprietà’ ,almeno locale, di alterare il clima sia aumentando la temperatura sia provocando pioggia, ma cosa incredibile e’ che questo fatto era risaputo già’ nel periodo della seconda guerra mondiale dove le scie dei bombardieri provocavano precipitazioni anche di notevole entità’

Scie di condensazioni prodotte da bombardieri durante la seconda guerra mondiale

Molti scettici per smentire alcuni complottisti circa il fatto che le scie sarebbero comparsi solo ultimamente , mostrano foto del secondo conflitto, ma si dimenticano che proprio il periodo della guerra ha mostrato la possibilità che proprio le scie (non è necessario sapere la composizione chimica) possono cambiare localmente la temperatura e provocare piogge, il tutto confermato da uno studio pubblicato dall‘International Journal of Climatology basato su testimonianze, dati meteorologici e registri di volo delle campagne aeree alleate tra il 1943 e il 1945.

inoltre su wikipedia letteralmente:

“La messa a terra di aerei per tre giorni negli Stati Uniti dopo l’11 settembre 2001 ha offerto agli scienziati una rara opportunità di studiare gli effetti delle scie sul clima forzato . Le misurazioni hanno dimostrato che senza scie di condensazione, l’intervallo di temperatura diurna locale (differenza delle temperature diurne e notturne) era superiore di circa 1 ° C (1,8 ° F)”

che le scie di condensazioni non siano benigni rivoli poetici è fatto ormai indiscutibile, ma che poi trasbordiamo

Fiumara è un termine con il quale,  si definiscono corsi d’acqua (in genere torrenti, più raramente fiumi) dal corso essenzialmente breve, caratterizzati da un letto assai largo e ciottoloso, impetuosi e copiosi di acque durante l’inverno e l’autunno e da una scarsissima portata d’acqua nonché da relativo moto placido per il resto dell’anno.fonte wikipedia

tutto con guerre climatiche, è tutto da verificare .

Forse dovremmo considerare l’ipotesi più semplice: Il clima sta cambiando, troppo velocemente senza che nessuno se ne fotte (cit. Pino Daniele) oramai il Protocollo di Kyoto ( il minimo indispensabile) ha fatto la sua storia cestinato da un non sano egoismo “retrò” culturale ed economico.

Io verrò criticato come insensibile: «Ma come si fa a costruire una casa vicino ad una Fiumara??

A chi ha fatto costruire quella casa, non gli è sembrato strano che al tempo  fu oggetto di esecuzione di abbattimento?

forse ancorché ricorrere al TAR sarebbe stato meglio far abbandonare quella casa e non affittarla.»
Basta con la politica del Condono, soprattutto per  edifici su zone non edificabili a rischio idrologico ed altro , meglio una casa abbattuta , famiglie sotto i ponti che sotto macerie acqua e sottoterra

Passiamo ad “Oumuamua”,l’oggetto interstellare proveniente dallo spazio profondo ,che a mio modo di vedere è la grande novità ufologica del secolo.

una ricerca scientifica ripropone l’ipotesi navicella aliena

Molti infatti ipotizzarono come una sonda aliena che viaggiava nell’universo alla ricerca di vita, una sonda di  una civiltà extraterrestre non molto lontana dalla nostra tecnologia, che per non essere scoperta e quindi distrutta sarebbe stata mimetizzata come un qualsiasi asteroide, magari con materiale tale da criptare o nascondere trasmissioni di suoni all’esterno proprio per non essere individuata come sonda

Be vi consiglio questo articolo pubblicato sul blog di A.R.i.A.  a questo indirizzo  che ripropone parecchi dubbi
Diciamolo pure: la natura di Oumuamua  è da sempre oggetto di discussioni per diversi scienziati e studi.

Qualcuno incontestabilmente ritiene per dogma che sia un asteroide composto da una copertura di carbonio che imprigionerebbe un nucleo di ghiaccio oppure una cometa

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 6 minuti
Altro

Premetto che non si tratta di articolo di ricerca Ufologica, del resto non si vive di solo ufologia e  quest’anno ho dato molto e ancora in questi momenti sto dando con un progetto ambizioso

Scriverò di Fake news, scienza complottismi ed altro e di alcune realtà ed errori che chi ritiene essere dalla parte della scienza ha fatto e continua a fare

Sull’ANSA come in tutte le principali mass media è stata pubblicata la notizia circa il fatto che l’82% degli Italiani non sa riconoscere una bufala , ricerca effettuata dal gruppo di ricerca dell‘Università Suor Orsola Benincasa guidato da Umberto Costantini,

Adesso ci si accorge della gravità delle fake news, facciamo i guru , ma anche la scienza ovvero chi si reputa facente parte di essa dovrebbe valutare i suoi comportamenti, Io sono un ignorante , ma reputo che fare concorsi a premi a chi realizza  il miglior video e foto falsa rischia di incentivare la fabbrica delle Bufale , dandone un valore positivo, non considerando che queste foto false che partecipano a tale concorso possono essere inserite facilmente nel circuito dei social, risultando essere percepite come cose vere vera, un esempio? la foto sotto

E’ UNA FOTO FALSA CHE HA PARTECIPATO AL CONCORSO CHE HO RUBATA E POTREI BENISSIMO SPACCIARLA PER UN AVVISTAMENTO UFO CON ALTA POSSIBILITA’ CHE QUALCUNO CI CASCHI…

Tornando alla ricerca sopra elencata .pur rispettandone l’autorevolezza, non sono assolutamente d’accordo,precisamente sul fatto che gli Italiani non sappiano riconoscere le fake news, penso a buon ragione,che gli Italiani non vogliano riconoscere le fake news , concedendo credibilità in base alla simpatia  riscossa dal partito politico, processo scientifico e formativo; Pur avendo a disposizione tutto il materiale a disposizione,ancorchè  qualcuno gli faccia notare la castroneria del fatto, molti ancor oggi vogliono credere che, per esempio,l’autismo è collegabile al vaccino ,creando una realtà che non esiste, ma che piace a loro, contribuendo a formare un principio del tipo ” non è vero ciò che è vero, ma ciò che piace”

 

Sotto questa patina  ci sono studi scientifici, di Psicologia, sociologia, di Etologia , che si adattano alle caratteristiche intellettuale di un popolo, In Italia per esempio Popolo di Guelfi e Ghibellini non è importante la notizia falsa , ma la capacità di creare divisioni,di sollecitare il senso di antipatia odio o al contrario simpatia, In realtà non ci frega che La Boldrini o Salvini, abbiano realmente un fratello stipendiato da noi, ma la possibilità di combattere la parte avversa con tale notizia. Gli Italiani sanno benissimo distinguere una Fake News, la realtà ancor più grave è che vogliono crederci.

In Italia è l’antipatia ,simpatia e le proprie convinzioni a stabilire cosa sia scienza anche in coloro che si reputano scienza, volete un esempio? eccolo ;

Superquark, puntata del 18 luglio 2018; Piero Angela parla coadiuvato dal rampollo di Scie chimiche-siamo proprio alla frutto nel parlare di scie chimiche argomento oramai in disuso valido per poche persone e che serve oramai solo per prendere in giro le persone-questo è il link dove potete ammirare il dibattito

Tra le altre cose il Polidoro afferma che i complottisti delle scie chimiche utilizzano per prove a favore delle loro teorie foto false create ad hoc

e quindi mostra una foto nella quale sembrerebbe che piloti civili protestino per le scie chimiche presenti

nei cieli, sotto la foto catturata dalla puntata in questione

La foto sopra , secondo il Polidoro sarebbe falsificata, la vera foto infatti è questa giù

Continua a leggere

Tempo stimato di lettura: 2 minuti
Scienza

Sinceramente rimango sempre più basito riguardo la deriva veramente sensazionalista che stà prendendo parte dell’ufologia, molti che blaterano sulle parolette magiche “metodologia internazionale” dovrebbero riflettere, tanto riflettere…intanto in tempo è galantuomo e rilevatore.

Sciacquo queste tristezze con una bella ed entusiasmante notizia riguardo la missione Mars 2020 che dovrebbe iniziare nell’estate del 2020: Sicuramente una missione da record che costerà intorno ai 2 miliardi di Dollari con strumentazioni incredibilmente sofisticati; lo scopo della missione sarà quello sicuramente di trovare tracce di “vita” sul pianeta e soprattutto verificare e preparare il possibile sbarco dell’uomo analizzando l’ambiente e la possibilità di migliorarlo magari producendo artificialmente ossigeno sullo stesso pianeta

Sarà quindi missione precursora dello sbarco dell’uomo su Marte che non si farà mancare nulla, proprio nulla:

Della partita ci sarà anche un piccolo elicottero rotante autonomo. Si! proprio così! un elicottero che svolazzerà per i cieli marziani.

Un nuovo record per la Nasa, infatti sarà il primo mezzo più pesante dell’aria a volere su un pianeta non terrestre

Fatto non facile a realizzare considerando l’atmosfera marziana E’ il frutto di quattro anni di lavoro: ha un peso di poco meno di 1,8 chilogrammi. La sua fusoliera ha le dimensioni di poco superiori ad una palla da Tennis e le sue doppie pale controrotanti hanno una potenza di quasi 3000 giri / min, circa 10 volte la velocità di un qualsiasi elicottero sulla Terra, potenza necessaria per galleggiare nell’atmosfera di Marte.

L’elicottero secondo una rappresentazione artistica della Nasa

Infatti, tanto per far capire di cosa stiamo parlando e di quanto sia stato complicato il progetto ecco quanto ha affermato Mimi Aung capo del progetto riguardo il volo su Marte : « “Il record di altitudine per un elicottero che vola qui sulla Terra è di circa 40.000 piedi. L’atmosfera di Marte è solo l’1% di quella della Terra, quindi quando il nostro elicottero si trova sulla superficie di Marte, è già alla Terra equivalente a 100.000 piedi di altezza. Per farlo volare a quella bassa densità atmosferica, abbiamo dovuto scrutare tutto, renderlo il più leggero possibile pur essendo il più forte e potente possibile..»

L’elicottero funzionerà grazie a batterie agli ioni di litio che si ricaricheranno grazie alle celle solari integrati e un meccanismo autonomo capace di riscaldarlo durante le notti gelate di Marte

Lo scopo è quello di un normale drone terrestre: dare una visuale dall’alto dell’ambiente e  raggiungere punti del Pianeta Rosso inaccessibili via terra, sui quali potrebbe restituire informazioni e dati inediti.

Una volta che il rover atterrerà su Marte ci saranno cinque prove di volo nelle quali l’elicottero si allontanerà progressivamente dalla base

Sotto abbiamo un video della NASA riguardo appunto l’elicottero

Ancora non abbiamo certezze sugli UFO Alieni  che svolazzano sulla terra,così come i marziani su quelli Terrestri….

L’elicottero Marziano s’autore

Fonti : Video e immagini credit NASA

e

https://www.nasa.gov/press-release/mars-helicopter-to-fly-on-nasa-s-next-red-planet-rover-mission

PRECAUZIONI PER L'USO

Si avvisa il gentile lettore che questo blog dal 19 -SET-2019 ritorna ad occuparsi di ufologia,continuando, comunque ad affrontare novità scientifiche e pseudoscentifiche; SI RICORDA CHE QUESTO BLOG NON AFFERMA CERTEZZE SOLO OPINIONI E IPOTESI PERSONALI AL FINE DI AMPLIARE CONOSCENZE... CON AFFETTO

Ultimi Articoli
ULTIMI AVVISTAMENTI
I dossier del Blog
Archivi
Piu’ letti oggi

ULTIMO AVVISTAMENTO
Pensa a loro

Save the Children Italia Onlus

Banner vaccini
Contro ogni violenza verbale

Croce Rossa Italiana
Avvertenza CookieQUESTO BLOG UTILIZZA COOKIE PER MIGLIORARE LA SUA NAVIGABILITA', PER FINI STATISTICI E PUBBLICITARI,PER MAGGIORI INFORMAZIONI LEGGI QUI OPPURE PUOI DISABILITARLI TUTTI O IN PARTE CLICCANDO QUI  CONTINUANDO LA NAVIGAZIONE SUL BLOG NE ACCETTI TACITAMENTE IL LORO UTILIZZO ESSENDONE COMUNQUE A CONOSCENZA  
Inviami il tuo avvistamento
segnallazioni Ufo
Avvistamenti storici per regione
L’angolo del ricercatore
Qui puoi verificare il passaggio visibile della ISS
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Unisciti a 1.062 altri iscritti

Seguimi su Twitter
Visitor counter

visite febbraio 2018

Your IP: 35.170.78.142